Arriva il 'salasso' Imu. I sindacati chiedono marcia indietro al Comune

Per un'abitazione con un reddito catastale di 500 euro, ovvero due camere da letto, una persona con un reddito inferiore ai 9mila euro, pagherà 262 euro di Imu

Per un’abitazione con un reddito catastale di 500 euro, ovvero due camere da letto, una persona con un reddito inferiore ai 9mila euro,  pagherà 262 euro di Imu nel 2012. Una famiglia composta da mamma e papà che lavorano e due figli sotto i 26 anni, con la stessa casa, 162 euro. Secondo i calcoli fatti da Cgil, Cisl e Uil, sta proprio qui l’ingiustizia per cui giudicano negativamente il bilancio comunale.  “Dalla base dello 0,4% per la prima casa e 0,76 per la seconda e le imprese, il Comune vuole aumentare allo 0,55 e 0,98”.

Insomma il solito: “Pagano sempre gli stessi e si vanno a penalizzare la prima casa ed i redditi più bassi”. I segretari di Cgil, Enzo Santolini, Cisl, Antonio Amoroso e Uil, Luigi Foschi sono concordi nel chiedere un tavolo che coinvolga tutte le parti sociali per rivedere questo aspetto nei prossimi 10 giorni. Il bilancio di previsione 2012 dovrebbe passare al vaglio del consiglio comunale lunedì e martedì. I sindacati chiedono di rimandare. “L’Imu prevede uno sconto di 200 euro per le prime case e di 50 euro per ogni figlio, ma, non tenendo conto del reddito, si verifica quello che abbiamo spiegato. Chiediamo al Comune di tornare allo 0,4% e allo 0,76%. Sappiamo bene che le risorse dello stato sono state tagliate indiscriminatamente ai Comuni: dai 34 milioni che sono arrivati nel 2010, si è passati a 29 nel 2011 e per il 2012 c’è un segno meno. Le risorse vano nel senso contrario per 900 mila euro”. Nonostante questo si chiede di intervenire sull’Imu.

“I 262 euro si trasformerebbero in 136, quasi la metà, per chi non pagava nulla e comunque, finchè non è stata abolita l’Ici, con reddito inferiore ai 9mila euro, pagava 49 euro. Per quanto riguarda la seconda casa non sono state differenziate le tipologie: ovvero chi la tiene sfitta, chi la affitta a canone concordato e chi magari la da in uso gratuito ai figli paga la stessa cifra. In questo caso la tariffa sarebbe unica: per la stessa tipologia di casa 823 euro. Questo porterà inevitabilmente all’aumento degli affitti  e alla fine ne farà le spese sempre il ceto più debole”, osservano i sindacati.

Le proposte sono quelle di aumentare eventualmente l’addizionale Irpef per i redditi superiori ai 55mila euro e soprattutto puntare sulla lotta all’evasione fiscale, con un lavoro meticoloso, incrociato con l’agenzia delle entrate e organizzando un ufficio tributi per controlli a tappeto. E’ stato stimato che il gettito dell’Imu sarà in totale di 37 milioni, di cui 20 andranno al Comune e 17 allo Stato. “Riducendo allo 0,4% le entrate calano di 5 milioni. Recuperiamoli in altro modo”. Questo l’appello dei sindacati.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • SuperEnalotto, sfiorato il colpaccio da oltre 67 milioni: si consola con una bella vincita

  • Elezioni regionali, l'Emilia Romagna elegge il nuovo presidente: la diretta dello spoglio, tutti i dati

  • Rapina con la pistola e strattona la farmacista terrorizzata, arrestato nel giro di due giorni

  • L'auto sfreccia ad alta velocità, scatta l'inseguimento sulla via Emilia: alla guida c'era uno spacciatore

  • Nel Forlivese solo Forlì e tre comuni preferiscono Bonaccini, l'entroterra è con Borgonzoni

  • Travolge una passante nei pressi del centro commerciale e non si ferma. Trovata grazie alle telecamere di ultima generazione

Torna su
ForlìToday è in caricamento