Unieuro attiva gli ammortizzatori sociali. L'amministratore delegato Nicosanti rinuncia a due stipendi

Allo stesso modo, l’intero Management aziendale ha deciso di decurtarsi lo stipendio, del 20% relativamente ai Chief e del 10% per gli altri dirigenti

L'amministratore delegato di Unieuro, Giancarlo Nicosanti Monterastelli, rinuncia integralmente alla propria retribuzione per i mesi di aprile e maggio. Si tratta di una decisione presa "come gesto di solidarietà nei confronti dei dipendenti dell'azienda". Allo stesso modo, l’intero Management aziendale ha deciso di decurtarsi lo stipendio, del 20% relativamente ai Chief e del 10% per gli altri dirigenti. Unieuro ha annunciato lunedì un nuovo pacchetto di misure di contenimento degli effetti dell’emergenza sanitaria attualmente in corso, integrative ed evolutive rispetto alle azioni già annunciate nel corso delle ultime settimane.

Alla luce della limitata operatività aziendale e al fine di contenere l’impatto economico-finanziario della crisi, la società ha concordato con le organizzazioni sindacali l’applicazione della Cassa Integrazione Guadagni in Deroga (CIGD), nei termini indicati dal Decreto “Cura Italia” varato lo scorso 17 marzo. L’accesso agli ammortizzatori sociali riguarderà la quasi totalità dei dipendenti, che ne beneficeranno a turno a partire dal 29 marzo e per un massimo di nove settimane, anche non consecutive. Unieuro si è peraltro resa disponibile ad anticipare ai dipendenti in CIGD la quattordicesima mensilità di giugno, qualora l’erogazione dei sussidi pubblici dovesse subire ritardi significativi.

Unieuro ha annunciato che "un numero variabile ma significativo di punti vendita diretti riaprirà al pubblico, al fine di garantire alla clientela gli acquisti più urgenti o di necessità come previsto dal DPCM dell’11 marzo 2020 e successive modifiche. Il test non interesserà le zone del Paese più colpite dall’emergenza sanitaria e prevede un’operatività limitata ai soli giorni feriali e con orario ridotto. I dipendenti torneranno operativi esclusivamente su base volontaria e in numero strettamente necessario al funzionamento del singolo negozio".

"A ciascuno - viene comunicato - verrà misurata la temperatura all’inizio del turno di lavoro e verranno consegnati i Dispositivi di Protezione Individuale necessari a svolgere in sicurezza le proprie mansioni, in particolare mascherine, guanti monouso e gel igienizzante. Fin dallo scorso 20 marzo, Unieuro ha peraltro sottoscritto una polizza sanitaria che tutela tutti i 5.000 dipendenti in caso di infezione da Coronavirus, indipendentemente dal fatto che siano o meno operativi". Gli ingressi nei punti vendita saranno contingentati con rigore e il numero di clienti in negozio non potrà superare il numero di addetti. Verranno inoltre adottate misure sanitarie ferree, tra cui la pulizia approfondita e quotidiana degli ambienti e il rispetto delle distanze di sicurezza tra le persone.

"La situazione che si è creata con l’emergenza sanitaria ci impone oggi di gestire e bilanciare esigenze diverse: la necessità di assicurare il benessere, sia fisico sia economico, dei nostri collaboratori e delle loro famiglie; i bisogni urgenti e talvolta indifferibili della clientela; la tutela della solidità aziendale - afferma Nicosanti Monterastelli -. Dopo un’analisi lucida e approfondita dello scenario, abbiamo annunciato oggi misure di grande responsabilità, che rispondono contemporaneamente a tutte queste esigenze e che ci auguriamo possano sostenerci nel superare la fase acuta della crisi".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Sono personalmente orgoglioso del grande senso di appartenenza delle nostre persone, manifestato dai numerosi dipendenti di negozio che ci hanno chiesto di poter tornare al lavoro quanto prima, dalla tenacia e dedizione del personale dell’hub di Piacenza, nonché dal gesto di solidarietà del Management, che si è ridotto lo stipendio - conclude -. E’ grazie al valore di ciascuno di loro che continuiamo a prestare il nostro servizio ai clienti, seppure in modalità limitata e nel massimo rispetto della sicurezza di tutti. Noi ci siamo, responsabilmente".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il telefono diventa muto e dal conto spariscono migliaia di euro: quarta truffa sui soldi in banca in un mese

  • Centauro esce di strada: la moto vola nella scarpata, interviene l'elicottero

  • Dal tampone pre-assunzione scopre di essere positivo al covid-19

  • "Voglio farla finita": poliziotti e operatori sanitari salvano la vita ad un 21enne

  • Il covid-19 non ferma il progetto di quattro giovani: "Apriamo una pizzeria e puntiamo sulla qualità"

  • Il bonus per le bici svuota i magazzini, finalmente un sorriso per una categoria: "Rientriamo delle perdite"

Torna su
ForlìToday è in caricamento