Vis Mobility, i sindacati: "Resta la situazione d'incertezza. C’è poco da sorridere"

Fim Fiom Uilm ricordano "come nell’ultimo anno i lavoratori hanno subìto almeno tre passaggi di proprietà"

"Per ora c’è poco da sorridere". Fim, Fiom, Uilm attraverso i segretari Riccardo Zoli, Giovanni Cotugno e Valerio Garattoni, apprendono "con stupore" la novità della Vis Mobility di Santa Sofia, che annunciato - dicono i sindacati - "la fine dei problemi dell’azienda e la prospettiva di un futuro luminoso, ostacolato solamente dall’ostilità delle istituzioni locali".

Fim Fiom Uilm ricordano "come nell’ultimo anno i lavoratori hanno subìto almeno tre passaggi di proprietà, recentemente l’azienda è stata spezzettata in due in una situazione di mancato rispetto della legge relativa ai passaggi di società e in una condizione dove il gruppo dirigente ha dichiarato il falso nel corso di un incontro in Prefettura che doveva discutere del passaggio di un pezzo dei lavoratori da un’azienda all’altra".

"Inoltre permane una situazione di incertezza dove l’unico protagonista che fa da costante in tutti questi passaggi è un soggetto che, pur professandosi come l’unico proprietario della Vis, mai figura in maniera palese nella documentazione ufficiale, determinando delle perplessità sulla limpidezza delle operazioni svolte - proseguono Zoli, Cotugno e Garattoni -. Infine leggiamo che i lavoratori hanno ricevuto le retribuzioni in arretrato, e che devono aspettarsi una regolarità sulle future erogazioni.  Invece ad oggi, nonostante gli impegni a saldare gli arretrati prima di Natale, i dipendenti devono ancora avere le retribuzioni di settembre, ottobre, novembre e la tredicesima. Per ora c’è poco da sorridere". 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Video

    L'auto si ferma, abbandona il divano e sgomma via: dopo il confine fioccano gli scarichi

  • Cronaca

    Cestini usati per i rifiuti domestici, così si rifiuta il modello Alea: brutta abitudine in aumento

  • Cronaca

    Feti di cane tra i rifiuti abbandonati, la condanna dell'Ordine dei veterinari: "Sgomento. Questa non è la medicina cosciente"

  • Cronaca

    Fanno fallire società e dirottano i capitali in Tunisia: coniugi imprenditori in carcere per bancarotta

I più letti della settimana

  • "A ne sò": la risposta simpatica di Filippo conquista Flavio Insinna e gli studi de "L'Eredità"

  • Smantellato un giro di prostituzione cinese da 20mila euro al mese, i soldi arrivavano ad Hong Kong

  • Violento tamponamento sulla Bidentina, due feriti: interviene anche l'elimedica

  • Pensioni più leggere dal primo aprile: ecco le riduzioni fascia per fascia

  • "Piedoni" dell'acceleratore sull'attenti: stanno per fare il loro debutto i Velo Ok di ultima generazione

  • Furti nelle abitazioni, le indagini portano in un covo: trovata refurtiva per 38mila euro

Torna su
ForlìToday è in caricamento