“Da Bach a Verdi” per concludere in bellezza l’edizione invernale dell’Artusi jazz

  • Dove
    Chiesa dei Servi
    Indirizzo non disponibile
  • Quando
    Dal 06/01/2016 al 06/01/2016
    11
  • Prezzo
    10 euro, 5 euro il biglietto ridotto
  • Altre Informazioni

“Da Bach a Verdi” per concludere in bellezza l’edizione invernale dell’Artusi jazz. Si chiama così il concerto, in programma mercoledì alle 11 all’interno della Chiesa dei Servi di Forlimpopoli, che vedrà assoluto protagonista Giovanni Falzone. Si tratta di un concerto per tromba elettronica in solo. Un’esperienza di per sé eccezionale, nel duplice senso di inusuale, rara ma anche favolosa e dunque assolutamente da non perdere. Docente alla Siena jazz University,  musicista, compositore, Falzone è un incredibile improvvisatore capace di occupare lo spazio sonoro in modo sorprendente, e di portare chi ascolta con sé in esplorazioni complesse e sempre nuove, tenendolo col fiato sospeso. Uno spettacolo intrigante, particolare, che l’Artusi jazz è felice di ospitare e offrire al proprio pubblico. L’ingresso intero costa 10 euro, 5 euro il biglietto ridotto. Per avere maggiori dettagli, collegarsi al sito www.artusijazzfestival.com oppure telefonare al 3405395208. 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Concerti, potrebbe interessarti

I più visti

  • "Ottocento", un grande viaggio nell'arte italiana tra Hayez e Segantini

    • dal 9 febbraio al 16 giugno 2019
    • Musei di San Domenico
  • Lo street food che esalta il pesce nostrano: degustazioni gratuite e consigli

    • Gratis
    • dal 15 al 16 giugno 2019
    • mercato coperto di Campagna amica
  • Lino Guanciale, Alessandro Vanoli e Marco Morandi in scena con "Le parole e il mare"

    • dal 15 al 16 giugno 2019
    • Teatro Carlo Zampighi
  • Festa della Birra a Civitella: tre giorni in centro storico tra birre artigianali, street food e concerti live

    • Gratis
    • dal 14 al 16 giugno 2019
    • centro storico di Civitella
Torna su
ForlìToday è in caricamento