“Da Bach a Verdi” per concludere in bellezza l’edizione invernale dell’Artusi jazz

  • Dove
    Chiesa dei Servi
    Indirizzo non disponibile
  • Quando
    Dal 06/01/2016 al 06/01/2016
    11
  • Prezzo
    10 euro, 5 euro il biglietto ridotto
  • Altre Informazioni

“Da Bach a Verdi” per concludere in bellezza l’edizione invernale dell’Artusi jazz. Si chiama così il concerto, in programma mercoledì alle 11 all’interno della Chiesa dei Servi di Forlimpopoli, che vedrà assoluto protagonista Giovanni Falzone. Si tratta di un concerto per tromba elettronica in solo. Un’esperienza di per sé eccezionale, nel duplice senso di inusuale, rara ma anche favolosa e dunque assolutamente da non perdere. Docente alla Siena jazz University,  musicista, compositore, Falzone è un incredibile improvvisatore capace di occupare lo spazio sonoro in modo sorprendente, e di portare chi ascolta con sé in esplorazioni complesse e sempre nuove, tenendolo col fiato sospeso. Uno spettacolo intrigante, particolare, che l’Artusi jazz è felice di ospitare e offrire al proprio pubblico. L’ingresso intero costa 10 euro, 5 euro il biglietto ridotto. Per avere maggiori dettagli, collegarsi al sito www.artusijazzfestival.com oppure telefonare al 3405395208. 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Concerti, potrebbe interessarti

  • Serata rock con Materiale Resistente 2.0: sul palco Giulio Wilson e tanti altri

    • Gratis
    • 17 aprile 2020
    • Teatro comunale di Predappio

I più visti

  • "Ulisse. L'arte e il mito", un grande viaggio nella storia dell'umanità

    • dal 15 febbraio al 21 giugno 2020
    • Musei San Domenico
  • Annullata la Festa del Falò 2020

    • Gratis
    • dal 18 al 19 aprile 2020
  • Paolo Cevoli fa ridere con le “Lezioni di marketing romagnolo”

    • dal 4 al 5 aprile 2020
    • nuovo teatro parrocchiale di Vecchiazzano
  • Carri, musica, luna park e Ferrari: grande festa con la Segavecchia

    • Gratis
    • dal 13 al 19 aprile 2020
    • Centro storico di Forlimpopoli
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    ForlìToday è in caricamento