A Sapeur la casa è regina: anche corsi all'intaglio di frutta e verdura

Ad accogliere il pubblico all’ingresso dei padiglioni di “SapEur Tavola e Casa”, sarà un’esclusiva mostra di design per interni curata da “Tasacasa” di Bagnacavallo in provincia di Ravenna

Due giornate a orario continuato per immergersi dalla mattina alla sera nei profumi dei migliori prodotti della terra, per conoscere o riscoprire i profumi delle migliori produzioni enogastronomiche artigianali della Romagna e di tutte le regioni d’Italia, ma da quest’anno anche per acquistare direttamente tutto ciò che contribuisce a rendere pratico, semplice, efficace e confortevole sia cucinare a casa propria sia vivere 24 ore su 24 il proprio ambiente domestico.

E’ “SapEur – Tavola e Casa” la rassegna organizzata da Romagna Fiere nei padiglioni espositivi di via Punta di Fero a Forlì che sabato e domenica apre le porte al pubblico ininterrottamente dalle 10 alle 20 (biglietto a 7 euro - ridotto 5 con coupon scaricabile dal sito www.sapeur.it e ingresso gratuito per i bambini fino ai 12 anni di età) con oltre 70 espositori nei due settori dedicati alla Tavola e alla Casa e un ricco programma di eventi. Collaterali di nome, ma essenza stessa della manifestazione di fatto. Dai cooking show dell’Associazione Cuochi Forlì-Cesena ai laboratori di “Manine in Pasta” dedicati ai bambini, dagli spettacoli di burattini de “Il Burattino Malandrino” ai corsi sull’intaglio di “Amira”.

Proprio quest’ultima, l’Associazione maître italiani ristoranti e alberghi sarà protagonista domani e domenica di una proposta davvero affascinante per il pubblico. La frutta e la verdura possono, infatti, stupire non solo il palato, ma anche la vista e a “SapEur - Tavola e Casa” i visitatori potranno non solo ammirare vere e proprie sculture realizzate con ortaggi e frutta di stagione, ma anche imparare loro stessi a realizzare creazioni stupefacenti in grado di rendere una cena in famiglia o con amici e colleghi un grande evento. Almeno sulla tavola, che per un’occasione speciale potrà assomigliare a quelle addobbate dei buffet nei migliori ristoranti in occasione delle cerimonie più sentite ed esclusive.

E’ l’antica Arte dell’Intaglio che nelle due giornate sarà al centro di corsi specifici tenuti dagli ”artisti” di Amira. Verranno presentate le tecniche di base dell’antichissima arte thailandese della scultura su frutta e verdura, attraverso la quale poter realizzare veri capolavori a forma di bouquet floreali, corone, finanche di uccelli e animali in genere, da utilizzare come guarnizione per valorizzare piatti, cibi, dolci e gelati, o come decorazione di centri tavola. Cocomeri, ananas, meloni, zucche, carote, cipolle e radici si trasformeranno in opere d’arte. Le lezioni, che abitualmente Amira tiene nelle scuole alberghiere e nei corsi di cucina di più alto livello, verteranno sulle tecniche e modalità di utilizzo dei coltelli e dei vari utensili necessari per la realizzazione degli intagli secondo i due principali “schemi” di scultura: la scultura della buccia e la scultura tridimensionale. 

I corsi inizieranno alle 10.30 per protrarsi sino alle 17.30 al costo di 100 euro comprensivi di attestati di partecipazione, dispense, set di 18 coltelli da intaglio, ingresso e pranzo didattico in fiera alle 13 e a tenerli sarà il Maestro Antonio Purificato. Si possono prenotare telefonando ai seguenti numeri: 0541.626278 – 0541.733403 – 338.9345366 – 368.421346. L’Associazione maître italiani ristoranti e alberghi  aderisce all’Uimh - Unione internazionale maîtres hotel - quale socio fondatore ed unico rappresentante nazionale nel suo ambito, ha lo scopo di qualificare sempre più la figura e la professione del Maître d’Hotel, valorizzandone e tutelandone la professionalità, promuovere il servizio, la gastronomia italiana ed i nostri prodotti, svolgere ogni tipo di attività, anche didattica, atta a promuovere la conoscenza del servizio e della cucina italiana, dei nostri vini, oli, aceti, acque minerali e prodotti tipici italiani in generale. Una figura, il Maître, sempre più importante nel contesto dello sviluppo turistico e commerciale del nostro territorio.

A “SapEur” la Casa è la Regina - Le migliori aziende regionali e nazionali, grandi brand e realtà che fanno dell’artigianalità la propria cifra distintiva, renderanno “SapEur – Tavola e Casa” un catalogo completo di prodotti e servizi per la ristorazione e l’ospitalità, mescolando con sapienza e armonia ciò che la terra produce e quanto la tecnologia fornisce per aiutare ad elevarlo sotto il profilo del gusto. Davvero ampio il ventaglio della proposta all’attenzione dei visitatori. Si va dalle aziende specializzate in design per interni e da giardino a quelle che propongono materassi, guanciali, reti letto, poltrone, sofà e divani; da spazzatrici, idropulitrici, aspirapolvere e lavapavimenti anche industriali agli impiantii di trattamento acqua e ai sistemi di pulizia dell’aria; dalle macchine da caffè a barbecue e forni domestici. Anche quelli ideali per farsi un’ottima pizza senza doversi recare al ristorante. E poi ancora una vasta gamma di casalinghi, padelle antiaderenti in pietra lavica refrattaria, terracotte, taglieri, ceppi, attrezzature per coque, oggettistica per la casa, mobili d’antiquariato in stile romagnolo, cartongessi per allestimenti interni ed esterni e soffittature. Spazio anche alle migliori marche di cucine, arredamento, porte e finestre e finanche ai prodotti per la cosmesi e il benessere.

Mostra esclusiva curata da “Tasacasa" - Ad accogliere il pubblico all’ingresso dei padiglioni di “SapEur Tavola e Casa”, sarà un’esclusiva mostra di design per interni curata da “Tasacasa” di Bagnacavallo in provincia di Ravenna. “Quando il design contemporaneo diventa un pezzo unico” è il titolo che racchiude in sé la filosofia del progetto di ricerca, recupero e re-interpretazione di oggetti e mobilio di Paolo Tassinari e dei suoi collaboratori. “Tasacasa”, nel proprio spazio, creerà isole nelle quali saranno ricreate ambientazioni domestiche con mobili e complementi d’arredo vintage rivisitati in chiave contemporanea. Dal mobilio trattato a fuoco ai tavoli, da sedute e divani a lampadari trattati a gesso, il pubblico potrà ammirare pezzi unici sia degli anni ’20 e ’30 (con un focus speciale sull’illuminazione) sia del periodo che spazia dagli anni ‘50 agli anni ’70, resi attualissimi. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’attività di Paolo Tassinari è rivolta alla realizzazione di una visione personalissima mescolando oggetti moderni,  vintage, objets trouvés e pezzi “primitivi” provenienti dall’Africa come maschere, copri-capo, tessuti. Accanto alla creazione di soluzioni uniche, vi sono le piccole serie e una selezione di oggetti di produzione attuale. Il primo spazio Tasacasa venne aperto nel 1998 a Bagnacavallo nei locali che ospitavano un’officina meccanica. Questo spazio, in via Giovanni Pascoli 28, è diventato nel corso degli anni un contenitore neutro dove le diverse proposte trovano la giusta valorizzazione.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incendio nella zona industriale, un nuvolone nero altissimo preoccupa i forlivesi

  • Coronavirus, altri due morti a Forlì. I casi nel Forlivese salgono a 335

  • Bar aperto e colazioni ai clienti: tutti finiscono multati. Trovato aperto anche un minimarket: chiuso e multato

  • Coronavirus, rallenta ancora la crescita dei contagiati. Ufficializzate le prime guarigioni forlivesi

  • Coronavirus, nuova impennata di casi in provincia: +95 in 24 ore. E Forlì registra un'altra vittima

  • Coronavirus, un altro morto a Forlì. In città superati i 200 casi. E in provincia sono 775

Torna su
ForlìToday è in caricamento