Boldini vola in Russia: la mostra al prestigioso "Ermitage" di San Pietroburgo

Dopo la Cina, approda per la prima volta in Russia una mostra dedicata a Giovanni Boldini. La rassegna si terrà a San Pietroburgo nella prestigiosa cornice del Museo Statale dell’'Ermitage

Dopo la Repubblica Popolare Cinese, approda per la prima volta in Russia una mostra dedicata a Giovanni Boldini. La rassegna si terrà a San Pietroburgo nella prestigiosa cornice del Museo Statale dell’'Ermitage, dall’11 novembre all’11 marzo prossimi ed è organizzata dal Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo, dalla Fondazione Ferrara Arte, dalle Gallerie d’Arte Moderna e Contemporanea del Comune di Ferrara e dallo stesso Ermitage, in collaborazione con Villaggio Globale International e con il patrocinio di Ermitage Italia. La mostra rientra nel quadro delle iniziative promosse dal Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo per diffondere l’arte, la cultura e l’immagine dell’Italia  nel mondo.

Il fulcro dell’esposizione, curata da Barbara Guidi con la collaborazione di Maria Luisa Pacelli, è costituito dalle 37 opere provenienti dalle collezioni del Museo Giovanni Boldini di Ferrara, che permettono di documentare tutta la carriera dell’artista, evidenziando il ruolo di spicco del ferrarese nel rinnovamento della pittura italiana e internazionale.

Il progetto vanta, inoltre, la partecipazione di importanti istituzioni museali italiane: dalle gallerie fiorentine degli Uffizi e di Palazzo Pitti alla Galleria nazionale d’arte moderna e contemporanea di Roma, dalla Pinacoteca “Giuseppe De Nittis” di Barletta alla Galleria Nazionale di Parma, dai Musei Civici di Pavia alla Collezione Salce di Treviso, rappresenta una nuova opportunità per valorizzare l’opera di Boldini oltre i confini italiani.

L’esposizione consentirà al pubblico russo di ripercorrere la parabola creativa di Boldini: dalle prime esperienze nella Firenze dei Macchiaioli alla produzione successiva all’approdo nella Parigi degli impressionisti fino al successo con quelle icone della ritrattistica con cui si impone sulla scena internazionale. Per restituire il contesto nel quale lavorò e per raccontare la vicenda dei suoi contemporanei, il percorso è completato da una selezione di opere di altri celebri pittori italiani come Giuseppe De Nittis, Federico Zandomeneghi, Paolo Troubetzkoy e Vittorio Corcos, attivi tra Italia e Francia al volgere del secolo e che, insieme a Boldini, animarono la scena artistica del tempo. A differenza dell’edizione cinese verrà presentata in questa sede anche una sezione dedicata a manifesti pubblicitari dell’epoca, provenienti dalla Collezione Salce di Treviso e selezionati dalla stessa direttrice, Marta Mazza.


Info: www.hermitagemuseum.org

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scontro frontale sulla via per la Tangenziale: uno degli automobilisti non ce l'ha fatta

  • Dramma in A14, auto si schianta fuori strada e si ribalta nel fosso colmo d'acqua: un morto ed una donna ferita

  • Non rispondeva al telefono: trovato senza vita seduto sul divano davanti alla tv

  • Si ritrova "sgraditi ospiti" nella minestra: protesta per le larve nel pacco di pasta

  • Si apparta per un incontro sessuale, ma l'altro pretende del denaro: una denuncia per estorsione

  • Drammatico incidente sul lavoro: resta incastrato in un tornio e l'avambraccio resta amputato

Torna su
ForlìToday è in caricamento