Festa Artusiana, martedì anche una degustazione di cappelletti 'solidali'

Durante il corso della serata, dal titolo "Olindo Guerrini: e magnè int e dialet rumagnôl", saranno letti sonetti tratti dalla raccolta "E Viaz", in cui chi scrive predilige le specialità gastronomiche alle bellezze delle città italiane visitate.

Martedi alle ore 21.00, presso la piazzetta Berta e Rita (quasi al termine di via Saffi), Forlimpopoli, nell'ambito della Festa Artusiana, l'Associazione culturale “La Tevla de' Sdaz" darà risalto alla figura di Olindo Guerrini ed al suo libro "L'arte di utilizzare gli avanzi della mensa", pubblicato postumo nel 1918, in cui viene illustrata una cucina "povera", allusiva alla penuria alimentare cui era condannato lo stesso autore dal magro stipendio di bibliotecario e dalla precaria vita di scrittore. 

Durante il corso della serata, dal titolo "Olindo Guerrini: e magnè int e dialet rumagnôl", saranno letti sonetti tratti dalla raccolta "E Viaz", in cui chi scrive predilige le specialità gastronomiche alle bellezze delle città italiane visitate. A seguire trebbo poetico dialettale con lettura di testi di autori diversi sul tema del cibo, dell'alimentazione e dello spreco alimentare a cura di Radames Garoia, Nivalda Raffoni e Paolo Zanoli. Condurrà la serata Gabriele Zelli. 

Olindo Guerrini, nato a Forlì il 4 ottobre 1845 e morto a Bologna il 21 ottobre 1916 fu poeta ed erudito, direttore della biblioteca universitaria di Bologna, traduttore, critico letterario, studioso di storia della cucina e di arte, scrittore e polemista fecondo noto al grande pubblico con gli pseudonimi di Lorenzo Stecchetti, Mercutio, Argia Sbolenfi, Marco Ballosardi, Giovanni Dareni. 
Tra i suoi scritti in ambito gastronomico va ricordato: "La tavola e la cucina nei secoli XIV e XV", saggio che rappresenta la prima indagine sulla cucina italiana nel medioevo.
Ingresso libero. Per informazioni 3493737026.

DEGUSTAZIONE DI CAPPELLETTI "SOLIDALI"
Sempre martedi, dalle ore 19.00, presso lo stand dell'Unione di Comuni della Romagna Forlivese collocato in piazza Garibaldi, Forlimpopoli, i volontari del Circolo Arci di Villa Rotta proporranno una degustazione a scopo benefico di cappelletti e piadina, prodotti tipici della tradizione gastronomica romagnola. Il ricavato sarà devoluto all'Associazione Amici dell'Hospice. Un'occasione, quindi, per coniugare i sapori di casa nostra con un gesto di solidarietà a favore delle persone ammalate ospiti degli Hospice di Forlimpopoli e di Dovadola.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elezioni regionali, l'Emilia Romagna elegge il nuovo presidente: la diretta dello spoglio, tutti i dati

  • Rapina con la pistola e strattona la farmacista terrorizzata, arrestato nel giro di due giorni

  • L'auto sfreccia ad alta velocità, scatta l'inseguimento sulla via Emilia: alla guida c'era uno spacciatore

  • SuperEnalotto, sfiorato il colpaccio da oltre 67 milioni: si consola con una bella vincita

  • Travolge una passante nei pressi del centro commerciale e non si ferma. Trovata grazie alle telecamere di ultima generazione

  • Elezioni, i programmi a confronto in 7 domande uguali per 7 candidati: queste le loro priorità e proposte

Torna su
ForlìToday è in caricamento