Giornate Fai, per la prima volta aperto Palazzo Guarini, "casa" dell'Ebe del Canova

Palazzo Guarini Torelli in corso Garibaldi per secoli dimora dei conti Guarini a cui appartennero opere d'arte che oggi sono il simbolo stesso del patrimonio artistico cittadino

Sarà un’occasione unica per ammirare dall’interno uno dei palazzi nobiliari più prestigiosi di Forlì, Palazzo Guarini Torelli in corso Garibaldi per secoli dimora dei conti Guarini  a cui appartennero opere d’arte che oggi sono il simbolo stesso del patrimonio artistico cittadino come il dipinto della Fiasca Fiorita e la celebre Ebe del Canova. 

Il piano nobile del palazzo, che fu proprio la prima collocazione forlivese della divinità della gioventù scolpita dal Canova su commissione di Veronica Guarini sarà visitabile per la prima volta grazie all’iniziativa del Fai, Fondo Italiano Ambiente in collaborazione con il conte Cosimo Guarini Fabri erede della dinastia di origini bolognesi la cui presenza in città è documentata fin dal XII° secolo. 

La visita, riservata ai soci Fai (ma ci si può iscrivere sul posto) è prevista nell’ambito delle giornate di primavera del Fai del 19 e 20 marzo prossimi. “Sabato 19 – dice Sonia Faccone Padovano capodelegazione del Fai Forlì - il palazzo sarà visitabile dalle 10 alle 12.30 grazie alle visite guidate curate dagli Apprendisti Ciceroni, ovvero gli studenti del Liceo Artistico e Musicale, della scuola secondaria di primo grado Pietro Zangheri, nostro fiore all’occhiello, e dell’Istituto tecnico Matteucci, tutti appositamente formati per raccontare ai visitatori la storia di questo splendido palazzo costruito nel corso del Cinquecento e di cui si dice, fu disegnato addirittura da Michelangelo Buonarroti”. 

Per la prima volta dunque sarà accessibile il piano nobile dove si possono ammirare i soffitti decorati con le tempere di Felice Giani, la sala da pranzo nella quale era originariamente collocata l’Ebe del Canova e la sala ottagonale, seconda sua collocazione, sulla scorta della quale è stata realizzata la sala espositiva dove la statua oggi è conservata al museo San Domenico. “La mia famiglia è molto affezionata a questo palazzo – dice il Conte Guarini – io stesso sono cresciuto in queste stanze dove mia nonna è vissuta fino alla metà degli anni '80. Fino a qualche anno fa il piano nobile era affittato al maestro Sughi di Cesena. Oggi siamo in cerca di un affittuario”. “Il contributo del Fai è molto importante per valorizzare il patrimonio cittadino che non sempre è di proprietà comunale” ha aggiunto l’assessore alla cultura Elisa Giovannetti ricordando le aperture degli scorsi anni del Monastero della Ripa e dell’Asilo Santarelli.

Le giornate del Fai non si fermano a palazzo Guarini. Le visite prevedono anche l’accesso alla Casa del Mutilato di via Maroncelli . Edificio progettato dall’architetto romano Cesare Bazzani , inaugurato nel 1933 e storica sede della sezione forlivese dell’Associazione Mutilati e Invalidi di Guerra, e la chiesa di Sant’Antonio Vecchio Sacrario dei Caduti per la Patria accessibili sabato e domenica 10 – 12.30 e 14.30 -17.30 con le visite guidate degli Apprendisti Ciceroni (ingresso preferenziale per i soci del Fai).

Quest’anno le aperture straordinarie delle Giornate Fai di Primavera si estendono poi a Modigliana dove sarà visitabile il Palazzo Vescovile di piazza Cesare Battisti, il Santuario della Madonna del Cantone di via Amendola e l’oratorio di Cristo Morto sempre di via Amendola. Per tutti questi luoghi l’appuntamento è per sabato 19 e domenica 20 dalle 10 alle 12.30 e dalle 15 alle 17 con le visite guidate condotte dagli studenti della scuola primaria “Pietro Alpi”, della secondaria di primo grado “Silvestro Lega”. Gli studenti di Modigliana sono seguiti e preparati dai professori in pensione ed esperti d’arte dell’associazione “Gilberto Bernabei” storico sindaco di Modigliana.


Info:  www.giornatefai.it
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Punta un euro su un gratta e vinci e non crede ai propri occhi: il "Sette e mezzo" è fortunato

  • Nel weekend tornano freddo e neve, ecco dove sono attesi i fiocchi. Ma l'inverno non decollerà

  • E' confermato il ritorno della neve, ecco dove sono attesi i fiocchi bianchi: allerta "gialla"

  • Donna in carrozzina investita sulle strisce pedonali mentre attraversa vicino al supermercato

  • Porta l'auto dal meccanico e dal cofano spunta una micia: "E' una gatta di casa, cerchiamo la sua famiglia"

  • Pit stop "stupefacente" dal gommista: la Squadra Mobile scopre il canale della droga per Forlì

Torna su
ForlìToday è in caricamento