Un pezzo di Romagna sulla Rai con "L'abisso" di Davide Enia

Davide Enia con lo spettacolo co-prodotto da Accademia Perduta/Romagna Teatri è finalista al Premio “Le Maschere del Teatro italiano” nella categoria “miglior interprete di monologo”

Davide Enia con L’Abisso è candidato al prestigioso Premio “Le Maschere del Teatro italiano” nella categoria “miglior interprete di monologo”.
L’attore e autore palermitano, dopo essersi aggiudicato il Premio Hystrio Twister, continua con il suo spettacolo L’abisso - di cui Accademia Perduta/Romagna Teatri firma la produzione con Teatro di Roma e Teatro Biondo di Palermo - a raccogliere consensi e riconoscimenti. La terna finalista della categoria “miglior interprete di monologo” comprende, oltre a Davide Enia, Elena Arvigo per 4:48 psychosis e Marina Confalone per Una relazione per un’accademia.

La cerimonia di consegna dei Premi si terrà giovedì 5 settembre al Teatro Mercadante di Napoli e, come nelle passate edizioni, sarà condotta da Tullio Solenghi e trasmessa da RaiUno (in differita, dalle ore 23). Il Premio “Le Maschere del Teatro italiano” è organizzato dal Teatro Stabile di Napoli – Teatro Nazionale con il patrocinio dell’Agis e la giuria che decreterà i vincitori delle 13 categorie, presieduta da Gianni Letta, è formata da Rosita Marchese (Teatro Stabile di Napoli-Teatro Nazionale), Giulio Baffi (critico teatrale di La Repubblica Napoli), Katia Ippaso (critico teatrale del Venerdì di Repubblica), Fabrizio Coscia (critico teatrale del Mattino di Napoli), Franco Cordelli (critico teatrale del Corriere della Sera), Masolino D’Amico (critico teatrale della Stampa), Maria Rosaria Gianni (capo redattore Cultura del Tg1 Rai), Fiorenzo Grassi (Teatro Elfo Puccini), Franco Però (Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia).

Davide Enia ha debuttato con L’abisso nell’ottobre 2018 al Teatro India di Roma e ha intrapreso per l’intera Stagione una impegnativa tournée nazionale, che ha compreso alcuni dei più importanti Teatri romagnoli quali il Diego Fabbri di Forlì, il Masini di Faenza, il Goldoni di Bagnacavallo, gli Atti di Rimini, il Chiari di Cervia – raccogliendo ovunque l’unanime plauso della critica e del pubblico.

Tratto Appunti per un naufragio, romanzo firmato dallo stesso Enia, edito da Sellerio, già premiato con il prestigioso “Mondello” e recensito anche dal New York Times, L’abisso è il toccante racconto di uno sbarco nel Mediterraneo, di quei frammenti di Storia che accadono e si compiono attorno a noi; un quadro della Storia di oggi in cui l’attore – insieme alle musiche eseguite in scena da Giulio Barocchieri - dà voce a chi quella Storia la vede con i suoi occhi e la vive quotidianamente sulla sua pelle.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La triste fine di una grande azienda del forlivese: dichiarato il fallimento dopo oltre 50 anni

  • Un bagliore visibile a chilometri di distanza: incendio in un'azienda

  • Storica gioielleria chiude dopo 73 anni, tre generazioni si sono susseguite dietro al banco

  • Sfilata in intimo contro i pregiudizi: in Piazza Duomo a Milano anche la forlivese Giulia Gambini

  • Festa di compleanno al ristorante con rissa finale e tavoli ribaltati tra due invitati

  • Terzo lotto della Tangenziale, partita la procedura per i 70 espropri di pubblica utilità

Torna su
ForlìToday è in caricamento