Alla scoperta delle origine della Festa del Falò: due giorni di festa a Rocca San Casciano

  • Dove
    Parco Gramsci
    Indirizzo non disponibile
    Rocca San Casciano
  • Quando
    Dal 17/03/2017 al 18/03/2017
    vedi programma
  • Prezzo
    Gratis
  • Altre Informazioni
    Evento per bambini

Si scalda l'atmosfera in vista della Festa del Falò di Rocca San Casciano del prossimo 22 e 23 aprile. Mentre si accende la sfida tra i due Rioni, Borgo e Mercato, iniziano le manifestazioni collaterali legate alla tradizionale festa, il Falò di San Giuseppe sarà il primo degli eventi previsti. La due giorni si terrà al Parco Gramsci di Rocca San Casciano all'interno dello stand al coperto. Poi l'appuntamento sarà per il Lunedì di Pasquetta con novità, sorprese, musica, spettacoli, segreti e aneddoti della festa più attesa dell'anno. 

ALLA SCOPERTA DELLA TRADIZIONE - Per riscoprire le origini della tradizione che ogni anno infiamma il capoluogo della Romagna-Toscana, la Pro Loco in collaborazione con Gastronomia Romagnola di Maurizio Selvi organizza i "Lòm a Mêrz – Il falò di San Giuseppe" venerdì e sabato. Un'occasione per conoscere le antiche celebrazioni romagnole di origine contadina volte a scongiurare la malasorte attraverso riti propiziatori.  Tra questi riti c'è proprio l’accensione di falò volta ad accogliere l’arrivo della primavera invocando un’annata favorevole per il raccolto nei campi.

IL SIGNIFICATO DEL FALO' - Il significato del Falò  ha da sempre avuto lo scopo d’incoraggiare e salutare l’arrivo della bella stagione bruciando i rami secchi e i resti delle potature, a Rocca dopo il trasferimento dei falò dalle campagne all’interno del paese lungo le rive dei fiumi e dei fossi, la festa assunse un valore religioso dedicando i falò a San Giuseppe (19 marzo) a cui venivano richieste “Grazie”. I Lòm a Mêrz (i lumi di marzo) sono tipici della Romagna e si svolgono in quasi tutto il territorio e molti paesi propongono la loro tradizione, ma non c’è dubbio che la massima espressione di questa antica tradizione la ritroviamo a Rocca San Casciano con la Festa del Falò più famosa d’Italia.

Venerdì - Dal primo pomeriggio i più piccoli potranno divertirsi sui gonfiabili e con l'animazione proposta dai trucca bimbi. Per i più grandi sarà invece possibile visitare la mostra fotografica che ripercorrere la storia del Falò di Rocca.  Dalle 19 apriranno gli stand gastronomici dove si degusteranno le prelibatezze locali.  Alle 21,30 si terrà l'accensione del Falò e a seguire i fuochi di artificio, mentre dalle 22, Rocca si anima con il concerto dei Microtauri e la musica dei Dj's di Radio Gatto. 

Sabato - E' ancora il tempo dei giochi per i bambini mentre alle 12 è fissato l'appuntamento con il pranzo e alle 19 con la cena propiziatoria.  Alle 21,30 si terrà l'accensione del Falò e a seguire i fuochi di artificio, mentre dalle 22 la musica dei Dj's allieterà la serata.  Ingresso Gratuito

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Manifestazioni, potrebbe interessarti

  • Torna in grande la Segavecchia: cortei, carri e dolci per la tradizionale festa

    • Gratis
    • dal 24 al 31 marzo 2019
    • centro storico
  • Lotta contro il tumore, il sogno di Cristina diventa realtà: Zumbathon per lo Ior con un super ospite

    • 24 marzo 2019
    • Palazzetto dello Sport Palavending
  • Cercano casa: sfilano in canile i "burloni" a quattro zampe

    • solo domani
    • Gratis
    • 23 marzo 2019
    • canile

I più visti

  • Torna in grande la Segavecchia: cortei, carri e dolci per la tradizionale festa

    • Gratis
    • dal 24 al 31 marzo 2019
    • centro storico
  • "Ottocento", un grande viaggio nell'arte italiana tra Hayez e Segantini

    • dal 9 febbraio al 16 giugno 2019
    • Musei di San Domenico
  • Birra, musica e moto al Biker Fest

    • solo domani
    • Gratis
    • 22 marzo 2019
    • Wild Horse Irish Pub
  • Luoghi sconosciuti e spazi spesso "segreti": il Fai apre gli scrigni del Forlivese

    • dal 23 al 24 marzo 2019
    • sedi varie - vedi programma
Torna su
ForlìToday è in caricamento