Festival di Castrocaro, spunta Edoardo Bennato durante le selezioni

Lunedì pomeriggio al Padiglione delle Terme ha fatto la sua comparsa infatti Edoardo Bennato, che ha voluto portare il suo saluto e la sua esperienza a tutti gli aspiranti cantanti

Una visita inaspettata ma sicuramente gradita per i ragazzi che da una settimana stanno affollando Castrocaro Terme. Lunedì pomeriggio al Padiglione delle Terme ha fatto la sua comparsa infatti Edoardo Bennato, che ha voluto portare il suo saluto e la sua esperienza a tutti gli aspiranti cantanti presenti per l’ultima giornata di Accademia e di selezioni della 55esima edizione del Festival di Castrocaro Terme e Terra del Sole.

L’ultima delle tre “classi” approdata a Castrocaro, che da sabato sono alle prese con lezioni e verifiche, ha potuto ascoltare la storia di come sono nati successi del calibro di “Un giorno credi” e “Sono solo canzonette”. Nell’arco del pomeriggio, Bennato ha raccontato delle propria voce definita da molti “sgraziata” e si è soffermato anche sulla sua passione per il musical, che l’ha portato a comporre “Pinocchio burattino senza fili” e “Peter Pan”, dove i personaggi trattati possono essere tratteggiati in maniera soggettiva proprio perché fortemente inseriti nell’immaginario comune.

 Nella chiacchierata con Franco Zanetti, giornalista musicale e membro della Commissione che ha effettuato le selezioni al Festival di Castrocaro, ed i ragazzi dell’ultima tranche di lezioni e verifiche, non sono mancati riferimenti alla stretta attualità, prendendo spunto dalla celebre “OK Italia”, in cui del nostro Paese si dice “ti muovi bene su quei tacchi a spillo”: la situazione del nostro Paese, così come quella del mondo occidentale deve essere caratterizzata da un grande senso di responsabilità nei confronti delle nazioni emergenti, senza dimenticare anche quale sono le condizioni in cui l’Italia stessa si è formata e costituita.

Bennato ha raccontato ad una platea di oltre 80 ragazzi come agli inizi della sua carriera sia stato identificato come “rappresentante dell’insoddisfazione giovanile” ed il suo essere al di fuori dell’establishment lo abbia sempre caratterizzato ed abbia contribuito anche a decretarne il successo presso il pubblico. Nella sua produzione, che risente fortemente del blues metal americano i temi sociali e le riflessioni sono sempre stati trattati con il ricorso alle emozioni più vere,

Concluse le lezioni, ora la Commissione giudicante, formata,oltre che da Franco Zanetti, anche dal direttore artistico del Festival Massimo Cotto e dal produttore Luca Valsiglio si prende un’ultima giornata di riflessione, per selezionare i ragazzi che accederanno al tour delle semifinali: in dieci tappe lungo lo stivale, si arriverà alla definizione dei dieci finalisti che, insieme al vincitore del Castrocaro Festival Friends del 2011, si contenderanno la finale Rai del 13 luglio a Terra del Sole, sottoponendosi al “severo giudizio” di Mara Maionchi, Presidente di Giuria della serata, che sarà trasmessa in diretta su Raiuno.

 Nel corso di questo fine settimana si sono susseguiti, tra gli altri, interventi di Luca Valsiglio e Gianni Errera, sul mondo della discografia nazionale. Consigli su come diventare manager di se stessi e su come sia necessario interpretare quello che il mercato musicale richiede, sono venuti da Luca Medri, già premio delle Critica Sezione Giovani al Festival di Sanremo del 2007 con il gruppo dei KhoraKhanè (vincitori anche di SanremoLab). L’impulso e la novità nel settore musicale di domani, verranno principalmente dagli autori: se già le etichette indipendenti da anni danno spazio a questo tipo di apporto, anche le major (ndr. i KhoraKhanè sono sotto contratto con la Warner) progressivamente stanno riconoscendo questo valore.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Da qui infatti anche la possibilità che il Festival dà ad uno dei concorrenti, di essere messo sotto contratto come autore per la Sony. Proprio su questo tema, si è inserita la lezione tenuta questa mattina dal grossetano Mario Cianchi che ha raccontato ai ragazzi la sua esperienza di autore che lo ha portato, oggi, ad un contratto editoriale con la EMI.

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il bollettino più nero per Forlì: tre morti. Deceduto anche un ragazzo di 26 anni, attivo negli Scout

  • Il coronavirus si è portato via il direttore di Romagna Acque Andrea Gambi

  • Coronavirus, si aggrava il bilancio delle vittime: tre morti nelle ultime 24 ore

  • Esplosione di contagi alla casa di riposo di Rocca San Casciano: 16 positivi, scatta l'isolamento

  • Balzo degli infetti nel Forlivese: +36 in 24 ore. In Rianimazione ci sono 11 positivi al virus

  • Coronavirus, il ringraziamento dell'azienda ai suoi dipendenti: un aumento in busta paga

Torna su
ForlìToday è in caricamento