La Carovana meticcia parte da Forlì per aprirsi all'integrazione

  • Dove
    Piazza Saffi
    Indirizzo non disponibile
  • Quando
    Dal 10/02/2018 al 10/02/2018
    15
  • Prezzo
    Gratis
  • Altre Informazioni

La "Carovana Meticcia" del Teatro Due Mondi di Faenza sabato partecipa alla chiamata di EU.terpe, un'opera prima per un'Europa Inclusiva. L'appuntamento, che avrà una durata di 40 minuti, è in programma alle 15 in Piazza Saffi.

Cos'è la Carovana Meticcia

Alberto Grilli, regista e direttore del Teatro Due Mondi spiega che "la Carovana Meticcia è un gruppo di persone che cammina dentro la città per incontrare i cittadini e renderli consapevoli dei viaggi che i migranti affrontano per arrivare in Europa". E' proposta da un gruppo di persone, rifugiati, stranieri e italiani, che lavorano insieme per portare avanti un progetto comune: il laboratorio teatrale "Senza Confini". Lo scopo è quello di creare un nuovo concetto di incontro attraverso il teatro: una esperienza aperta alla città e connessa con la comunità in cui vive per far parlare chi, agli occhi dei cittadini, risulta invisibile. Per rompere la paura e la discriminazione nei confronti del diverso.

Con la "Carovana Meticcia" la partenza è prevista a Forlì sabato alle ore 15, Eu.Terpe, un importante progetto Europeo co-finanziato dal programma Europa Creativa e che riunisce l’Orchestra Maderna (Forlì-Italia), l’Orchestra Ocal (Almeria-Spagna) e i musicisti siriani espatriati in Europa dell’orchestra Sepo (Syrian Expat Philarmonic Orchestra). Le tre orchestre si riuniranno per suonare un’opera prima composta appositamente da tre giovani compositori europei e saranno diretti da Missak Baghboudarian, direttore dell’ Orchestra di Damasco. 

Una carovana meticcia di persone, una azione di strada, che vedrà marciare insieme cittadini italiani, immigrati, rifugiati, tra cui anche i musicisti del progetto EU.terpe espatriati in Europa e riuniti nella Syrian Expat Philharmonic Orchestra - Sepo da Piazza Saffi per giungere fino ai Musei San Domenico. Una marcia per sensibilizzare i cittadini sulla situazione dei rifugiati e rafforzare la reciproca comprensione culturale, anche grazie alla partecipazione dei musicisti delle orchestre coinvolte, usando la musica come canale di comunicazione per promuovere il dialogo interculturale e interreligioso in vista del concerto al Teatro Diego Fabbri del 13 febbraio.
 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Manifestazioni, potrebbe interessarti

  • Torna in grande la Segavecchia: cortei, carri e dolci per la tradizionale festa

    • Gratis
    • dal 24 al 31 marzo 2019
    • centro storico
  • Lotta contro il tumore, il sogno di Cristina diventa realtà: Zumbathon per lo Ior con un super ospite

    • 24 marzo 2019
    • Palazzetto dello Sport Palavending
  • Cercano casa: sfilano in canile i "burloni" a quattro zampe

    • solo domani
    • Gratis
    • 23 marzo 2019
    • canile

I più visti

  • Torna in grande la Segavecchia: cortei, carri e dolci per la tradizionale festa

    • Gratis
    • dal 24 al 31 marzo 2019
    • centro storico
  • "Ottocento", un grande viaggio nell'arte italiana tra Hayez e Segantini

    • dal 9 febbraio al 16 giugno 2019
    • Musei di San Domenico
  • Birra, musica e moto al Biker Fest

    • solo domani
    • Gratis
    • 22 marzo 2019
    • Wild Horse Irish Pub
  • Luoghi sconosciuti e spazi spesso "segreti": il Fai apre gli scrigni del Forlivese

    • dal 23 al 24 marzo 2019
    • sedi varie - vedi programma
Torna su
ForlìToday è in caricamento