Massimo Franco fa il ritratto di un uomo e un paese: "C'era una volta Andreotti"

  • Dove
    Auditorium Cariromagna
    Indirizzo non disponibile
  • Quando
    Dal 15/03/2019 al 15/03/2019
    17.00
  • Prezzo
    Gratis
  • Altre Informazioni

"E' sopravvissuto a due guerre mondiali, sette papi, la monarchia, il fascismo, la Prima Repub­blica e la Seconda. E a sei processi per mafia e omicidio".
Così Massimo Franco, editorialista del Corriere della Sera, tra i massimi esperti di politica in Italia, introduce la figura di Giulio Andreotti, cui ha dedicato il suo ultimo saggio "C'era una volta Andreotti", vero e proprio "ritratto di un uomo, di un'epoca e di un paese", che lo stesso Franco presenterà venerdì 15 marzo alle 17 all'Auditorium Cariromagna di Forlì.

"Giulio Andreotti è stato un esemplare unico del potere in Italia per longevità, sopravvi­venza agli scandali, dimestichezza con gli appa­rati dello Stato e del Vaticano, consuetudine con le classi dirigenti mondiali del passato. È stato unico perfino nell’aspetto fisico, che ha nutrito generazioni di vignettisti. A cento anni dalla nascita, ripercorrere la sua vita e la sua epoca significa fare i conti con la distanza siderale tra la sua Italia e quella di oggi. Dopo essere stato incombente per mezzo secolo come uomo di governo e come enigma dell’Italia democristiana, Andreotti non c’è più. E non solo perché è morto, il 6 maggio del 2013. Non esistono più la sua politica, la sua cultura, il suo Vaticano. Rimane solo l’eco lonta­na e controversa del «processo del secolo», che doveva chiarire le sue responsabilità e che inve­ce si è concluso nel modo più andreottiano: con una verità sfuggente".

Massimo Franco - affiancato sul palco dalla prof.ssa Maria Laura Lanzillo, ordinaria di Storia delle dottrine politiche all’Università di Bologna - racconterà e analizzerà Andreotti e il suo mondo: gli alleati, i nemici, il suo alone intatto di mistero, ma anche la famiglia invisibile per decenni, e sorprenden­te nella sua stranissima normalità. Emblema e garante dello status quo nell’era della guerra fredda, Andreotti ha rappresentato l’«uomo del Pur­gatorio» per antonomasia, in una nazione in bilico tra Paradiso occidentale e Inferno comunista. Ha permesso a un’Italia di specchiarsi per mezzo se­colo in lui, di sentirsi migliore, o forse solo di auto­assolversi. 
L'ingresso all'incontro, promosso dalla Fondazione Cassa dei Riparmi di Forlì nell'ambito delle iniziative di approfondimento culturale del progetto Romagna Terra del Buon Vivere, sarà libero fino ad esaurimento dei posti disponibili in Auditorium, con omaggio di copia del volume agli intervenuti.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Incontri, potrebbe interessarti

  • Luoghi sconosciuti e spazi spesso "segreti": il Fai apre gli scrigni del Forlivese

    • da domani
    • dal 23 al 24 marzo 2019
    • sedi varie - vedi programma
  • Carlo Flamigni e Marco Maltoni riflettono sulla nascita e la morte

    • solo domani
    • Gratis
    • 23 marzo 2019
    • Sala Pieratelli dell'Ospedale Morgagni Pierantoni
  • I forlivesi leggono la loro storia

    • Gratis
    • 25 marzo 2019
    • Jump Cafè

I più visti

  • Torna in grande la Segavecchia: cortei, carri e dolci per la tradizionale festa

    • Gratis
    • dal 24 al 31 marzo 2019
    • centro storico
  • "Ottocento", un grande viaggio nell'arte italiana tra Hayez e Segantini

    • dal 9 febbraio al 16 giugno 2019
    • Musei di San Domenico
  • Birra, musica e moto al Biker Fest

    • solo domani
    • Gratis
    • 22 marzo 2019
    • Wild Horse Irish Pub
  • Luoghi sconosciuti e spazi spesso "segreti": il Fai apre gli scrigni del Forlivese

    • dal 23 al 24 marzo 2019
    • sedi varie - vedi programma
Torna su
ForlìToday è in caricamento