"Clorofilla" di Luca Barberini in mostra ad Arte al Monte

L’ultima mostra del 2018 di "Arte al Monte", il progetto artistico curato dall'assoc. Regnoli 41 e dalla Fondazione Cassa dei Risparmi di Forlì al Palazzo del Monte di Pietà (corso Garibaldi, 37) sarà dedicata ad uno degli artisti più innovativi dell’ultima generazione dei mosaicisti di Ravenna: Luca Barberini. “L’esercizio artistico di Luca – spiega il curatore della mostra forlivese Daniele Torcellini - affonda le sue radici nella Ravenna del secondo Novecento” in cui “il mosaico si libera dai rigidi formalismi della sua tradizione per aprirsi a reinvenzioni che ne ampliano il perimetro d’azione. Il bacino iconografico cui attinge per il suo immaginario è, infatti, la cultura visiva contemporanea, forgiata e veicolata dai media digitali e in bilico tra arte, attualità giornalistica e cinema, tra film d’essai e b-movie, grafica, fotografia, fumetti, animazioni e GIF”.

Barberini giunge così di fatto a stravolgere uno degli assunti di base del mosaico, cioè l’idea di costruire le immagini attraverso delle tessere di forma omogenea riducendone via via il numero fino a dar forma ai singoli elementi visivi. Elementi che interrogano, nella sua ricerca più recente, il complesso rapporto tra genere umano e natura. Il titolo della mostra forlivese è infatti “Clorofilla” e mira a presentare “con il suo gusto pop, sintetico e fumettistico quelli che immagina possano essere gli effetti della crisi sui nostri habitat naturali, suggerendo nel contempo un ribaltamento prospettico: il nostro sterminio per mano, o meglio, per bocca, di una natura tutt’altro che serena, rassicurante e familiare”.

La mostra, esposta dalle 11 del 15 dicembre fino al 13 gennaio, si sviluppa sotto forma di fermo-immagine di un massacro in corso, paradossalmente più comico che tragico, attraverso una serie di opere di grandi dimensioni (2 metri e mezzo di altezza per 1 di larghezza): la scena è dominata da piante carnivore, cresciute a dismisura, dalle fauci/fiori multicolore al vertice di uno stelo sinuoso e flessibile, sproporzionate rispetto a quella goffa folla umana brulicante, disperata o spavalda nell’affronto, di cui Luca narra le vicende fin dalle origini del suo percorso artistico". Accanto alle opere vi saranno delle piante vere, così da creare un gioco di rimandi che chiamano ulteriormente lo spettatore a interrogarsi sul proprio ruolo e sulla propria relazione con la natura.
Ingresso libero sia alla vernice che alla mostra.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Mostre, potrebbe interessarti

  • "Ottocento", un grande viaggio nell'arte italiana tra Hayez e Segantini

    • dal 9 febbraio al 16 giugno 2019
    • Musei di San Domenico
  • Arte e gioia di vivere, il ricordo di Enzo Bellini a Palazzo Romagnoli

    • Gratis
    • dal 14 dicembre 2018 al 16 giugno 2019
    • Palazzo Romagnoli
  • Con Andrea Mario Bert partono le mostre collaterali a "Ottocento"

    • dal 9 febbraio al 9 marzo 2019
    • vetrina della Camera di Commercio della Romagna

I più visti

  • Lo show di Giacobazzi: 25 anni di avventure, dal ragù sulla stufa agli smartphone

    • solo domani
    • 20 febbraio 2019
    • Teatro Diego Fabbri
  • "Ottocento", un grande viaggio nell'arte italiana tra Hayez e Segantini

    • dal 9 febbraio al 16 giugno 2019
    • Musei di San Domenico
  • "Salvimaio", il nuovo spettacolo di Andrea Scanzi approda a Forlì

    • 22 febbraio 2019
    • Teatro Diego Fabbri
  • Vittorio Sgarbi esplora il genio di Leonardo

    • 21 febbraio 2019
    • Teatro Diego Fabbri
Torna su
ForlìToday è in caricamento