Un jazz trio “Sobrio” per il Forlì Jazz Festival

Forlì Jazz Festival si sposta sabato in piazza Saffi, presso il caffè Ceccarelli, dalle ore 21 in poi, ingresso libero, con il SOBRIO Jazz Trio.

Il TRIO SOBRIO, Marco Preger (chitarra), Marco Versari (organo hammond e voce), Loris “Bob” Ercolani (batteria), si pone sulla scia della tradizione soul jazz tipica degli organ trio degli anni ’50 e ’60, ma arricchisce un repertorio strumentale basato in gran parte su composizioni di Jimmy Smith, Horace Silver e Wes Montgomery con l’inserimento di alcuni brani cantati dalla grande tradizione dei crooner italiani come Arigliano e Buscaglione. Il risultato è una performance multiforme, ma al tempo stesso accessibile anche per chi non è un ascoltatore abituale di jazz.

Ecco come il chitarrista cesenate racconta il suo primo “incontro” con la musica di Chet Baker:

“Il mio primo “incontro” con Chet Baker-dice Preger- l’ho avuto a 16 anni andando al cinema a vedere “Let’s Get Lost”, lo stupendo e struggente documentario di Bruce Weber sugli ultimi anni di Chet. Avevo appena iniziato a studiare jazz e pensai che quell’uomo doveva essere una sorta di semidio. Circa trent’anni di musica più tardi non ho cambiato opinione”.
 Forlì Jazz Festival si sposta sabato in piazza Saffi, presso il caffè Ceccarelli, dalle ore 21 in poi, ingresso libero, con il SOBRIO Jazz Trio.

Il TRIO SOBRIO, Marco Preger (chitarra), Marco Versari (organo hammond e voce), Loris “Bob” Ercolani (batteria), si pone sulla scia della tradizione soul jazz tipica degli organ trio degli anni ’50 e ’60, ma arricchisce un repertorio strumentale basato in gran parte su composizioni di Jimmy Smith, Horace Silver e Wes Montgomery con l’inserimento di alcuni brani cantati dalla grande tradizione dei crooner italiani come Arigliano e Buscaglione. Il risultato è una performance multiforme, ma al tempo stesso accessibile anche per chi non è un ascoltatore abituale di jazz.

Ecco come il chitarrista cesenate racconta il suo primo “incontro” con la musica di Chet Baker:

“Il mio primo “incontro” con Chet Baker-dice Preger- l’ho avuto a 16 anni andando al cinema a vedere “Let’s Get Lost”, lo stupendo e struggente documentario di Bruce Weber sugli ultimi anni di Chet. Avevo appena iniziato a studiare jazz e pensai che quell’uomo doveva essere una sorta di semidio. Circa trent’anni di musica più tardi non ho cambiato opinione”.
 

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Concerti, potrebbe interessarti

  • "In…Canto di Natale": l'Aeronautica di Forlì ospita un concerto per il "Villaggio Mafalda"

    • 14 dicembre 2019
    • Aeronautica Forlì
  • Daniela Piccari porta in scena canzoni e racconti di Edith Piaf

    • Gratis
    • 12 dicembre 2019
    • Teatro Diego Fabbri
  • Sul palco il talento cristallino di Francesco Guerri

    • solo oggi
    • 8 dicembre 2019
    • Area Sismica, Ravaldino in Monte

I più visti

  • I mattoncini tornano protagonisti: un entusiasmante viaggio alla scoperta dell'universo Lego

    • Gratis
    • dal 30 novembre al 24 dicembre 2019
    • Villa Bertaccini
  • "Nigthscapes", la mostra fotografica di Luca Campigotto

    • Gratis
    • dal 26 settembre 2019 al 6 gennaio 2020
    • Musei San Domenico
  • L'Immacolata inaugura la Fiera delle Domeniche di Natale

    • solo oggi
    • Gratis
    • 8 dicembre 2019
    • centro storico
  • "Merenda in inglese": un pomeriggio in osteria con insegnanti madrelingua

    • solo oggi
    • 8 dicembre 2019
    • Piazza Garibaldi 6/a
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    ForlìToday è in caricamento