Meteo, la seconda metà di giugno inizia col caldo in graduale intensificazione

Fino a venerdì, il servizio meteorologico dell'Arpae dell'Emilia Romagna prevede condizioni di tempo stabile, con temperature massime che oscilleranno tra 29 e 34°C

Nessuna ondata di maltempo all'orizzonte. L'inizio della seconda metà di giugno trascorrerà all'insegna del dominio anticiclonico, con caldo in intensificazione. Fino a venerdì, il servizio meteorologico dell'Arpae dell'Emilia Romagna prevede condizioni di tempo stabile, con temperature massime che oscilleranno tra 29 e 34°C, mentre le minime tra 21 e 24°C. Arpae non esclude per sabato "precipitazioni sparse sull'intero territorio regionale, con tendenza a miglioramento".

Sul medio e lungo termine, viene specificato sempre da Arpae, "sembra probabile che un promontorio di alta pressione si consolidi tra l'Atlantico e l'Europa occidentale portando sulla nostra regione flussi prevalentemente nord-occidentali. In un contesto di tempo soleggiato saranno possibili alcuni eventi di precipitazione. I quantitativi pluviometrici complessivi si prospettano tuttavia leggermente inferiori alla norma. Le temperature, anche se in graduale flessione, rimarranno con buona probabilità al di sopra della media climatologica".

Potrebbe interessarti

  • Smettere di fumare: come affrontare la dipendenza senza ricaderci

  • 7 cose da fare in casa prima di partire per le vacanze: tu le hai fatte?

  • Dalla G alla A: come migliorare la classe energetica di casa

I più letti della settimana

  • Arriva al pronto soccorso e muore in poche ore, ucciso da una meningite fulminante

  • Tragedia di ritorno dal mare causata da un colpo di sonno: ventenne muore in autostrada

  • Tragedia nella notte in A14: tra i due morti anche una forlivese

  • Mezzanotte di paura, nuova scossa di terremoto nel forlivese

  • Dipendente comunale ucciso dalla meningite fulminante, profilassi anche in alcuni uffici municipali

  • Trema la terra: doppia scossa di terremoto, in tanti lanciano l'allarme sui social

Torna su
ForlìToday è in caricamento