Polizia stradale, chiude il distaccamento di Rocca San Casciano. Morrone: "Mannaia del governo". Di Maio: "Un errore"

“La riorganizzazione dettata dal ministero dell’Interno penalizza la Romagna senza che ci siano motivi concreti.

“La disattenzione per le esigenze dei territori e la mancanza di ascolto da parte di questo Governo unite a logiche verticistiche rappresentano il mix micidiale che ha portato al taglio dei distaccamenti della Polizia stradale di Rocca San Casciano, nel forlivese, e di Lugo, nel ravvenate”. Lo afferma in una nota il deputato della Lega Jacopo Morrone.

“La riorganizzazione dettata dal ministero dell’Interno penalizza la Romagna senza che ci siano motivi concreti. Affermare che in queste località la ‘viabilità non riveste più un interesse strategico’ significa non conoscere la realtà e decidere a tavolino dove far cadere mannaia, con motivazioni che non convincono. Ovviamente ci attiveremo per capire chi abbia la responsabilità di questa decisione e quali ne siano le reali ragioni. Non vorremmo che, a monte, ci fosse l’ostilità delle forze ‘giallorossofucsia’ nei confronti del rafforzamento delle Forze dell’Ordine previsto dalla Lega e, in particolare, da Matteo Salvini quando era alla guida del ministero e da Nicola Molteni che rivestiva il ruolo di sottosegretario con delega alla Polizia. In ogni caso, questo taglio non può che inserirsi in un contesto politico e ideologico che irresponsabilmente si disinteressa della sicurezza delle persone”.

Di Maio (Italia Viva): "Difendere i distaccamenti"

"Dopo il rischio scampato della chiusura del distaccamento della Polizia Stradale di Rocca San Casciano, torna a materializzarsi la possibilità che il presidio possa chiudere (nonostante il locale sia concesso gratuitamente al Ministero dell’Interno). Stessa sorte sembra delinearsi per il distaccamento di Lugo". Lo dichiara il parlamentare romagnolo Marco Di Maio (Italia Viva).

"In un momento in cui c’è una richiesta maggiore di sicurezza sulle strade e i numeri degli incidenti destano molta preoccupazione, è un errore dismettere i presidi che sono lontani dalle grandi strade di comunicazione.  Chiediamo alle autorità competenti sul territorio (prefettura e questura) di difendere I due distaccamenti; noi faremo la nostra parte a livello politico e parlamentare. Queste sfide si vincono solo se c’è gioco di squadra".

Il sindaco: "Soppressione inaccettabile"

"È con grande rammarico che apprendiamo la decisione del Ministero dell'Interno sulle sorti del distaccamento di Polizia Stradale di Rocca San Casciano, da sempre un punto di riferimento e una risorsa per l'intera Vallata del Montone. La soppressione di questa unità è inaccettabile ed auspichiamo che il Prefetto di Forlì, con l'impegno di tutti i Sindaci della vallata, si attivi per evitarne la chiusura". Lasciare la SS67 sprovvista del servizio di Polizia Stradale comporterebbe una grave e intollerabile mancanza di vigilanza del territorio montano con aumento del rischio di episodi di criminalità, nonché  una diminuzione di sicurezza dei cittadini e degli automobilisti che non può essere permessa". Lo dichiara in una nota il sindaco di Rocca San Casciano Pier Luigi Lotti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Furgone si scontra contro un'auto: tragedia sull'incrocio pericoloso della via Emilia, muore un 57enne

  • Sciagura sui binari, morto un giovane travolto da un treno: traffico paralizzato per ore

  • I suoi nudi artistici fanno il giro del mondo, ma lei ha scelto Forlì: "La Romagna mi ha adottata"

  • L'oroscopo della settimana dal 10 al 16 febbraio di Paolo Fox: la classifica dei segni zodiacali

  • Pizza napoletana per la ricerca contro il Coronavirus: "Divieto ai cinesi? Chiedo scusa"

  • Urla e danneggiamenti nel cuore della notte: trovato ubriaco in strada in maglietta e mutande

Torna su
ForlìToday è in caricamento