Lotta allo spaccio di droga, D'Aiello: "Tolleranza zero contro i venditori di morte"

Queste le parole di Cristian D'Aiello, già dirigente provinciale e candidato alle amministrative per Fratelli d'Italia del prossimo 26 maggio

"Esprimo grande preoccupazione per le crescenti forme di degrado e di disagio sociale pressoché consolidate, nel quadrilatero perimetrale del centro storico comprendente Viale Vittorio Veneto, Via Bentivoglio, Via Felice Orsini ed in particolare, il parcheggio di Piazza Monte Grappa". Con queste parole, esordisce il ventisettenne Cristian D'Aiello, già dirigente provinciale e candidato alle amministrative per Fratelli d'Italia del prossimo 26 maggio.

Illustra D'Aiello: "Il suddetto sito sta palesando un malessere generalizzato: non solo vi ha subito un'involuzione improvvisa con la chiusura della Scuola Media Maroncelli, ma ha risentito - come del resto,  il centro storico - di numerose fughe abitative e delle serrate alle attività. La siringa di eroina conficcata nel tronco, è l'ultima in serie, di alcuni rinvenimenti - da parte dei residenti - di materiali adibiti all'assunzione di sostanze stupefacenti alla base delle alberature  e lungo i marciapiedi. A cui si aggiungono episodi di microcriminalità, bivacco e accattonaggio molesto, i quali rendono inevitabile insofferente la vita dei cittadini nell'accesso alle automobili, alle abitazioni e alle attività commerciali tutte le ore del giorno".

"Dinnanzi al montare dell'insicurezza e dell'insalubrità dovute ai posteggi per lo spaccio e l'abuso di stupefacenti, qui come in altri quartieri di Forlì, la risposta per noi è univoca: tolleranza zero contro i venditori di morte. Affinché questo si realizzi con sistematicità, nel programma di Fratelli d'Italia, accanto al rafforzamento dell'organico della Polizia Municipale ed all'impiego proattivo delle Forze dell'ordine, abbiamo inserito la figura professionale più idonea per competenze tecniche ed esperienza al fine di alzare gli standard della sicurezza urbana: la guardia particolare giurata. È necessario che la sicurezza attiva sia affidata ad operatori con esperienza, conoscitori del territorio in virtù del proprio operato, che sappiano gestire e mediare i conflitti e nell'occorrenza lavorare in sinergia con le forze dell'ordine chiamate ad intervenire".

Sulla questione interviene anche l'associazione "Ag!Re": "Se si ha a cuore il centro bisogna impegnarsi di più per la sicurezza e la salvaguardia del quartiere dove si abita. Già da diversi anni come associazione proponemmo una più stretta collaborazione fra cittadini e forze dell'ordine suggerendo la creazione di un'associazione di volontari strettamente formata dalla Polizia Locale. Come associazione abbiamo partecipato ai lavori di gruppo del tavolo di San Mercuriale senza trovare però quelle risposte tanto agognate. Bisogna passare dalle parole ai fatti e chiedersi se veramente è auspicabile considerare il progetto "Controllo di Vicinato" applicabile in centro".

Potrebbe interessarti

  • Cattivi odori addio: ecco come pulire i bidoni della spazzatura

  • Top Hairstylist in città: scopri a chi affidare il tuo prossimo cambio di stile

  • Evitare la bolletta salata in estate con questi 3 suggerimenti

  • Nausea e cerchi alla testa? 5 rimedi per far passare prima la sbornia

I più letti della settimana

  • Giovane harleysta morto sulla Cervese, la fidanzata in prognosi riservata. C'è un testimone della sciagura

  • Va alla scoperta delle bellezze rurali, un infarto lo uccide: la vittima è un volto noto di Forlì

  • Tragico incidente all'alba: quattro morti, tra loro due fratelli minori

  • Tragedia nella notte: si schianta contro un albero, muore una 26enne

  • Ancora sangue sulle strade: sciagura in serata, muore un 28enne forlivese

  • Accertato un caso di Dengue a Forlì: scatta il Piano di disinfestazione contro la zanzara tigre

Torna su
ForlìToday è in caricamento