A Premilcuore la festa dell'unione dei comuni della Romagna forlivese

La Sala "Centro Visite" del Parco Nazionale, gremita di pubblico, ha fatto da cornice alla terza edizione della “Festa dell’Unione dei Comuni della Romagna Forlivese” che anche quest'anno si è svolta a Premilcuore

Un momento della festa

La Sala "Centro Visite" del Parco Nazionale, gremita di pubblico, ha fatto da cornice alla terza edizione della “Festa dell’Unione dei Comuni della Romagna Forlivese” che anche quest'anno si è svolta a Premilcuore in occasione dell'anniversario della scomparsa di Aldo Spallicci, l'uomo che maggiormente testimonia valori e tempra della Romagna e che concluse i suoi giorni il 14 marzo 1973 nel paese dell'alto Rabbi. Per l'occasione, alla presenza di tutti i Sindaci ed Amministratori del territorio, è stata esposta la Bandiera dell'Unione che affianca il colore azzurro (il cielo e il mare), il rosso (terra e passione) e un drappo di tela stampata a ruggine con gli antichi simboli del lavoro e della solidarietà. La bandiera trae ispirazione proprio dal vessillo che Spallicci creò dopo la tragedia della prima guerra mondiale per rappresentare il legame fra il territorio romagnolo, il lavoro e la pace.

Fra gli interventi di apertura quelli del Sindaco di Premilcuore Marco Menghetti e dell'attuale Presidente dell’Unione Davide Drei.  Tema della edizione 2015 è stato l'intervento di Roberto Balzani, storico e professore dell'Università di Bologna, oltre che primo Presidente del nuovo soggetto istituzionale, dal titolo “Speciali senza Statuto: i Romagnoli fra Regione e Nazione”. Un momento di confronto e incontro nel quale sono emerse le importanti sfide di carattere amministrativo e politico che riguardano l'Unione. Diversi gli spunti sull'identità, ispirati dal pensiero di Aldo Spallicci, dalla tragedia della Prima Guerra Mondiale, dai valori democratici e della Resistenza, che potranno essere punti di riferimento nella prosecuzione del cammino su scala romagnola e come progetto apripista a livello nazionale. Nel corso dell'incontro, la Giunta dell'Unione ha anche preso in esame la realizzazione del gonfalone nella cui iconografia saranno presenti i simboli di tutte le municipalità che ne fanno parte.  Il concerto del Trio Iftode “Musica senza confini” e il coordinamento di Garbiele Zelli, Sindaco di Dovadola e delegato da parte dell'Unione di coordinare lo staff organizzatore, hanno completato il programma.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’Unione dei Comuni della Romagna Forlivese
L’Unione dei Comuni della Romagna Forlivese è formata da quindici Comuni: Bertinoro, Castrocaro Terme e Terra del Sole, Civitella di Romagna, Dovadola, Forlì, Forlimpopoli, Galeata, Meldola, Modigliana, Portico e San Benedetto, Predappio, Premilcuore, Rocca San Casciano, Santa Sofia, Tredozio. Per numero di abitanti e l’estensione di 1261 chilometri quadrati risulta essere l'Unione di Comuni più grande d’Italia. Il progetto nasce dalla volontà di semplificare e di ridurre i costi della pubblica amministrazione in modo da liberare maggiori risorse e migliorare il rapporto con i cittadini, i servizi alle imprese, gli investimenti sul territorio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Aereo ultraleggero precipita e prende fuoco: perde la vita la promessa del nuoto Fabio Lombini

  • La sciagura di Fabio Lombini, gli ultimi istanti di vita col sorriso ripresi in un video

  • Il covid-19 non ferma il progetto di quattro giovani: "Apriamo una pizzeria e puntiamo sulla qualità"

  • Addio a Fabio Lombini, "Era esempio quotidiano di forza di volontà"

  • Covid-19, il bollettino: un'anziana vittima a Forlì e un nuovo caso a Santa Sofia

  • Covid-19, 109esima vittima nel Forlivese: è una donna di 80 anni

Torna su
ForlìToday è in caricamento