Abbandono dei rifiuti, Marchi (Italia Viva): "Sì al potenziamento dei controlli. I cittadini collaborino per tenere pulita Forlì"

"Incivili è il minimo che si possa dire in riferimento a queste persone - ha affermato Marchi -. Personalmente sono favorevole ad un potenziamento ulteriore dei controlli"

Si accende il dibattito politico cittadino sulla questione dell’abbandono dei rifiuti per le strade del centro storico e in periferia. Dopo le parole del consigliere della Lega, Albert Bentivogli, interviene sulla vicenda anche il rappresentante in comune di Italia Viva, Massimo Marchi, che propone una “lotta senza quartiere agli abbandonatori seriali dei rifiuti”.

"Incivili è il minimo che si possa dire in riferimento a queste persone - ha affermato Marchi -. Personalmente sono favorevole ad un potenziamento ulteriore dei controlli, a cominciare dall’utilizzo già in vigore delle fototrappole, e alla previsione di sanzioni severe per chi è colto in flagrante nel momento in cui contribuisce a sporcare la nostra amata città".

“Quello che ritengo positivo - ha aggiunto Marchi - è che la maggioranza che lo scorso anno, soprattutto nel corso della campagna elettorale, dava tutte le colpe ad Alea oggi si stia accorgendo di come le cose possano funzionare bene soltanto se a collaborare sono anche tutti i cittadini".  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un improvviso malore non gli lascia scampo: è morto Dino Amadori, direttore scientifico emerito dell'Irst

  • Coronavirus, ufficiale: asili nido, scuole, università e manifestazioni chiusi fino al primo marzo in Emilia-Romagna

  • Coronavirus, gli ultimi aggiornamenti: 23 contagi, nel riminese il primo caso in Romagna

  • Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere: sintomi, modalità di trasmissione e animali da compagnia

  • "Era dolce e solare": addio alla storica negoziante del centro, si è spenta a 49 anni

  • Coronavirus, l'ultimo aggiornamento: casi in aumento in Emilia legati al focolaio lombardo. Nessuno in Romagna

Torna su
ForlìToday è in caricamento