Anche la Cgil al presidio delle associazioni dei migranti

Il sindacato spiega di aver "sempre creduto e sostenuto che l'immigrazione è un fenomeno strutturale e come tale va gestito e governato"

La Cgil sostiene e aderisce al presidio delle associazioni dei migranti (Forlì Città Aperta,  Casa Madiba Rimini, Romagna Migrante Cesena e Refuges Welcome Ravenna) in programma sabato mattina alle 10.30 davanti alla Prefettura. Il sindacato spiega di aver "sempre creduto e sostenuto che l'immigrazione è un fenomeno strutturale e come tale va gestito e governato. La storia ci insegna che le persone si sono sempre spostate  e mobilitate  da un Paese all'altro alla ricerca della pace, del benessere e della libertà. In un epoca di globalizzazione come questa, dove la mobilità di capitale e delle merci sono super garantiti, non è praticabile né moralmente accettabile impedire la mobilità della persone".

"Un Paese come il nostro che ha visto e vede tutt'ora  milioni di nostri cittadini/lavoratori in giro per il  mondo, non può chiudersi in se stesso nel nome della paura, dell'intolleranza e della indifferenza, nei confronti delle persone che  per motivi di guerre, di povertà e di conflitti  lasciano i loro paesi per cercare rifugio nel nostro Paese - prosegue la Cgil -. Il Governo Nazionale ed il Governo Locale come le Istituzioni tutte hanno il diritto e il dovere di creare ed individuare degli strumenti operativi e pratici che garantiscano la buona prassi in termini di accoglienza ed  integrazione nel tessuto socio economico e culturale del Paese".

"Per questo crediamo che la soluzione non sia l’ipotesi sovranista e isolazionista proposta da questo Governo in cui viene meno il principio di solidarietà ed umanità figlio della nostra storia - conclude il sindacato -. Il riconoscimento reciproco, la diversità e il percorso di integrazione nel rispetto delle leggi e la garanzia dello stato di diritto sono percorsi certi  per creare una comunità coesa, multiculturale e solidale".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un improvviso malore non gli lascia scampo: è morto Dino Amadori, direttore scientifico emerito dell'Irst

  • Coronavirus, ufficiale: asili nido, scuole, università e manifestazioni chiusi fino al primo marzo in Emilia-Romagna

  • Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere: sintomi, modalità di trasmissione e animali da compagnia

  • "Era dolce e solare": addio alla storica negoziante del centro, si è spenta a 49 anni

  • Coronavirus, l'ultimo aggiornamento: casi in aumento in Emilia legati al focolaio lombardo. Nessuno in Romagna

  • Coronavirus, gli ultimi aggiornamenti: 23 contagi, nel riminese il primo caso in Romagna

Torna su
ForlìToday è in caricamento