Da un gruppo di donne un appello per il voto "Sì" al referendum costituzionale

Recita l'appello: "Noi vogliamo che le donne, già protagoniste nella scrittura della Carta Costituzionale, a 70 anni dal loro primo voto, rivendichino il loro protagonismo nelle scelte che determineranno la vita democratica del nostro paese"

Un gruppo di donne forlivesi impegnate da tempo sul tema dei diritti delle donne e nell'associazionismo femminile, ha lanciato un appello per il "Sì" al referendum costituzionale del 4 dicembre. In allegato e di seguito il testo dell'appello con le prime firme. Per aderire è possibile inviare una mail alla casella di posta donneperilsiforli@gmail.com.

Recita l'appello: "Noi vogliamo che le donne, già protagoniste nella scrittura della Carta Costituzionale, a 70 anni dal loro primo voto, rivendichino il loro protagonismo nelle scelte che determineranno la vita democratica del nostro paese. Il referendum costituzionale del 4 dicembre è una fondamentale occasione di partecipazione democratica, perciò occorre andare a votare : in nessuna altra occasione possiamo incidere così direttamente sulle regole fondanti della democrazia nel nostro Paese. Sono molte e molto concrete le ragioni delle donne per sostenere questa legge di riforma. Innanzi tutto per la prima volta viene introdotto nella Costituzione il principio dell’equilibrio della rappresentanza riconoscendo che il popolo sovrano è composto da uomini e donne e dando così attuazione al principio generale della parità sancito dalla nostra Costituzione".

"Altro aspetto di grande importanza è la semplificazione e razionalizzazione del processo decisionale con il superamento  delle due Camere con  le stesse funzioni - prosegue l'appello -. Tutti i cittadini, ma le donne più di altri, per affermare i loro diritti,  hanno bisogno di istituzioni stabili e di una politica che funzioni, che discuta e decida in modo trasparente ed efficace. Troppe leggi di enorme rilevanza per la vita delle donne, hanno atteso anni ed anni prima di essere approvate, per i rimbalzi da un ramo del Parlamento all’altro, una per tutte quella sul riconoscimento della violenza sulle donne come reato contro la persona e non contro la morale. Ma è soprattutto importante la modifica del rapporto tra lo Stato e le regioni".

"La legge di riforma assegna allo Stato  alcune decisive funzioni e decisioni che consentiranno  un’applicazione  omogenea sul territorio nazionale ad es. della legge 194 o del piano contro la violenza o una distribuzione equilibrata degli asili nido - conclude -. La riforma supera l’esperienza di un regionalismo italiano che ha frammentato il Paese, più che valorizzare le specificità dei territori. I risparmi che ne conseguiranno, potranno essere investiti in politiche di promozione del lavoro femminile, di sostegno alla maternità ed alla condivisione della cura, alla promozione della presenza delle donne in ogni aspetto della vita pubblica".

L'elenco delle prime adesioni


1-Bruna Baravelli, già docente

2-Eugenia Benini, già commerciante

3-Amedea Benini, già dirigente settore pubblico

4-Barbara Bovelacci, formatrice

5-Marinella Celli, dipendente Università

6-Stefania Collini, già funzionaria pubblica

7-Fiorella Collini, già dirigente pubblica

8-Meris Giardini, imprenditrice

9-Monica Giusti, dipendente settore pubblico

10-Maria Maltoni, dipendente settore privato

11-Gilberta Masotti, cooperatrice settore sociale

12-Chiara Mazza, docente

13-Madga Mochdal , commerciante

14-Paola Pezzi, già dirigente scolastica

15-Laura Pedulli, dipendente settore privato  

16-Lorena Pinna, formatrice

17-Annarita Proli, già dirigente settore pubblico

18-Elide Rusticali, già funzionaria settore pubblico

19-Paola Sansoni, imprenditrice

20-Monica Sartini, imprenditrice

21-Luciana Tampieri, già docente

22-Rosa Tramonti, già dipendente settore privato

23- Gabriella Tronconi, già docente

22-Paola Valbonesi, dipendente settore privato

24-Giusa Vio, già dirigente settore pubblico

25-Tamara Zanoni, dipendente settore privato

26-Laura Zoli, cantante

27- Lisa Zoli, biotecnologa 

ALTRE ADESIONI

1-Daniela Bagnoli,già imprenditrice 

2-Serena Bambi, dipendente settore pubblico

3-Valentina Bandini, infermiera

4-Sonia Biondi, insegnante scuola infanzia

5-Emanuela Briccolani, commercialista

6-Daniela Ciani, consulente formazione e politiche di genere 

7-Donatella Ciani, casalinga

8- Verdiana Cicognani, già insegnante scuola infanzia

9-Maria Giulia Fellini, giornalista

10-Cinzia Galassi, già lavoratrice dipendente

11- Mirella Galassi, già artigiana

12-Marina Flamigni, dirigente settore pubblico

13-Cinzia Lugaresi, dipendente settore privato

 14-Elisa Massa, docente

15-Silvia Mazzini, dipendente settore pubblico

16-Iones Prati, insegnante

17-Loretta Prati, già insegnante scuola infanzia

18-Federica Ravaglioli, dipendente settore bancario

19- Ivana Ruffilli, già lavoratrice dipendente

20- Lucia Salaroli, imprenditrice

21-Aneta Sliwa,  dipendente stagionale 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia in ospedale: 20enne si lancia nel vuoto e perde la vita

  • Tragedia sui binari, muore una 13enne. Traffico ferroviario in tilt: cancellazioni e ritardi

  • Un forlivese taglia il traguardo dell'Ironman 2019 tra i primi cinque

  • Il maggiordomo vince in tribunale ed eredita 4 milioni di euro

  • "Terrona", il caso della lite condominiale finisce in tv: "Non sono razzista, insulti sotto l'effetto dell'ira"

  • Si schianta contro un furgone e resta incastrato sotto un'auto: grave un motociclista

Torna su
ForlìToday è in caricamento