Bando periferie, Di Maio: "Fino all'alba per difendere i fondi, ma il Governo se ne frega"

Respinti dalla maggioranza Lega e Movimento 5 stelle le proposte di ordine del giorno che chiedevano al governo di impegnarsi a finanziare tutti i progetti finanziati dal bando città e periferie in Romagna

E' proseguita fino all'alba la battaglia parlamentare del deputato Marco Di Maio per chiedere il rispetto dei patti e i finanziamenti destinati alle città romagnole. Il parlamentare (unico romagnolo presente in aula) è intervenuto nel corso della seduta fiume della Camera dei deputati per sostenere gli ordini del giorno che chiedevano al Governo di impegnarsi a garantire i fondi destinati alle città romagnole che ammontano complessivamente ad oltre 40 milioni di euro. 

BANDO PERIFERIE: DE GIROLAMO REPLICA A DI MAIO

"Non è stato possibile intervenire in discussione generale perchè la maggioranza ha usato la tagliola per troncare il dibattito - spiega il deputato -; non è stato possibile parlare sugli emendamenti perchè con la scelta del Governo di porre la questione di fiducia, sono automaticamente decaduti tutti gli emendamenti e le possibilità di intervenire. Era rimasto solo lo strumento degli ordini del giorno, che non ha lo stesso valore di una norma ma ha comunque la possibilità di impegnare il Governo su qualcosa. Ebbene, l'Esecutivo non ha voluto assumersi nemmeno questo impegno. Dispiace che anche gli altri deputati romagnoli, assenti durante la discussione, abbiano poi votato contro persino a questo impegno per le città del proprio territorio". 

A Forlì, con questo decreto, rischiano di venir meno 8 milioni e 300 mila euro che serviranno a realizzare 12 progetti. Tra questi c'è il completamento del campus universitario. A Cesena, senza i 2 milioni di euro già assegnati, non si potranno lavori di riqualificazione su tre piazze della città tra cui piazza Bufalini di cui c'è il progetto ed ecco qui il rendering. A Ravenna, senza i 12 milioni e 800mila euro assegnati e ora bloccati, non potrà realizzarsi un progetto atteso da anni: quello della nuova darsena di città. A Rimini l'impatto di questo decreto sarà ancora peggiore: si bloccheranno 18 milioni di euro che servono per il progetto "Parco del Mare nord" che interesserà tutta l'area nord della città per un investimento complessivo di 30 milioni di euro.

"Membri del governo e parlamentari che rappresentano la maggioranza hanno detto (fuori da quest'aula) che quelli del bando periferie erano soldi sui quali non c'era la copertura, spot elettorali, marchette, slogan, mangiatoie - conclude -. Parole prive di senso: erano e sono progetti che riguardano le persone in carne ed ossa. Lo stesso presidente Conte li ha smentiti promettendo ai sindaci, pur senza nulla di scritto e rifiutando di assumersi ogni impegno formale, che quei soldi verranno garantiti in tre anni. Vedremo. Se sarà così, sarà una vittoria di chi si è battuto in parlamento e sul territorio, dei sindaci (di ogni colore politico) e dei cittadini che si sono spesi a sostegno di questi progetti; se non sarà così, sarà una rapina a danno delle persone, delle famiglie e del futuro delle nostre comunità". 

L'intervento di M5S e Lega

Sulla questione giovedì è intervenuto il parlamentare del Movimento 5 Stelle Carlo Ugo de Girolamo, esprimendo "profonda soddisfazione per l’accordo raggiunto tra il presidente del Consiglio Conte a nome del Governo e l’Anci in merito alle risorse da destinare ai Comuni che aderiscono al Bando Periferie" ed assicurando "nessun taglio ai comuni per i progetti esecutivi di riqualificazione urbana". "Noi della Lega lavoreremo per dare risposte concrete ai nostri cittadini, le stesse risposte che il Pd, evidentemente, non ha saputo dare in anni e anni di potere”, sono state invece le parole del segretario della Lega Romagna, il sottosegretario alla Giustizia Jacopo Morrone, e il consigliere regionale Massimiliano Pompignoli.

L'intervento di Andrea Cintorino (Lega)

"Ci complimentiamo con il deputato Di Maio per l’attività svolta in Parlamento, attività per la quale, comunque, gli viene corrisposto un adeguato emolumento - afferma il segretario provinciale della Lega, Andrea Cintorino, che commenta con toni ironici “l’ironman in notturna del politico forlivese". "Ci ha tenuto a rendere pubblico di aver fatto l’alba alla Camera dei Deputati e noi, altrettanto pubblicamente, gli rispondiamo che non ha fatto altro che espletare il proprio incarico - aggiunge -. Ribadiamo tuttavia, come già altri hanno notato, che il parlamentare del Pd è ripetitivo e monocorde, sembra che sappia parlare solo del bando delle Periferie".

"E’ vero che questo appare comune a tutti i cattodem, tanto da far pensare che ci sia un ordine di scuderia - continua l'esponente del Carroccio -. Ma davvero, con le aperture del premier Giuseppe Conte all’Anci, il Pd è ormai fuori tempo massimo. Insomma, una campana stonata. Anche perché Di Maio si lascia andare a considerazioni fuori dalle righe e strumentali pur di non riconoscere le responsabilità dei passati Governi Pd. Tra l’altro, non tuti i progetti previsti dalle città romagnole, che il parlamentare afferma di aver difeso, anche se non si sa da chi, sono validi e vanno nell’interesse delle ‘persone in carne e ossa’. Quindi non solo Di Maio dovrebbe informarsi meglio, ma soprattutto dovrebbe ampliare i propri orizzonti. Ci auguriamo, per il bene di tutti, che lo faccia presto".

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Precipita nella tromba dell'ascensore dal quinto piano: "miracolato" dai cavi dell'impianto

  • Cronaca

    Girava alle 4 di notte armato fino ai denti e col fucile col silenziatore: arrestato

  • Cronaca

    Minacciata di morte, presa a calci e pugni e pedinata: terrore per una 21enne di Forlì

  • Cronaca

    Minaccia il suicidio all'ex: i Carabinieri le salvano la vita, aveva assunto un cocktail di medicinali

I più letti della settimana

  • Dopo il tamponamento l'auto colpisce un palo e si ribalta: muore volto noto forlivese

  • Tragedia di via Bidente, secondo la Municipale chi ha causato l'incidente era ubriaco

  • Schianto in sorpasso tra più veicoli nel tunnel: chiusa fino in serata la tangenziale

  • Travolge nella nebbia il camion dei rifiuti fermo a bordo strada: grave un 49enne

  • Investito da un'auto dopo esser uscito da scuola: paura per un bimbo di 11 anni

  • Tira dritto col furgone dopo aver colpito una passante: la Polizia Municipale trova il responsabile dell'incidente

Torna su
ForlìToday è in caricamento