Bevuta alcolica di protesta, Mezzacapo: "Strumentalizzazione. L'ordinanza è per arginare situazioni pericolose"

Il vicesindaco Daniele Mezzacapo con delega alla sicurezza interviene duramente contro la manifestazione di giovedì sera

"Pochi rivoltosi della Sinistra giovedì sera hanno manifestato contro l'ordinanza che vieta il consumo di alcolici in bottiglie di vetro bevendo alcol proprio in quei contenitori e coinvolgendo alcuni giovani universitari che hanno utilizzato come braccio armato per dare alla loro manifestazione un aspetto totalmente diverso dalla facciata bonaria. Alcuni studenti, vittime di questi manipolatori, ci sono purtroppo cascati e si sono aggregati senza sapere, magari, di essere stati usati per lottare contro il nemico che sarebbe, a loro dire, l'amministrazione forlivese". Il vicesindaco Daniele Mezzacapo con delega alla sicurezza, interviene duramente contro il "Botellòn disobbediente", la manifestazione di protesta messa in atto da un gruppo di giovani nella serata di giovedì in piazzetta della Misura

"La nostra ordinanza - dice l'esponente del Carroccio - è stata fatta e studiata anche per aiutare gli universitari a non trovare una città degradata e pericolosa. Fa male vedere che pochi agitatori accecati da un'ideologia politica strumentalizzino dei ragazzi arrivati a Forlì per studiare. Un inganno che non è perdonabile. Una vergogna poi è stata quella di far bere questi giovani e ostentare bottiglie di superalcolici come in una festa trasgressiva. Sul palcoscenico del bel teatro della città quale Piazzetta della Misura, sono saliti quattro gatti, arrogandosi l’autorità di essere i portavoce di un mondo universitario che non rappresentano. Questi della Sinistra con l'abitudine di cambiare la percezione o il comportamento degli altri usando schemi e metodi subdoli, sono negativi per una società e una generazione di giovani studenti che sanno divertirsi anche senza dover scorrazzare per il centro con bottiglie di alcolici in mano".

Video - La "bevuta" di protesta

"Ma il vero punto, è che l’ordinanza nasce per arginare situazioni pericolose che sono del tutto estranee al mondo universitario, ma invece qualcuno che fa "bassa politica”, ha voluto spostare il problema nei confronti degli studenti, così non è - afferma il vicesindaco -. Vorrei che qualcuno di questi elementi della Sinistra parlasse con i genitori degli studenti, come invece abbiamo fatto noi, per sentire cosa pensano della nostra ordinanza. Vorrei anche che questi soggetti parlassero con i residenti del centro storico che tutte le notti sono costretti a chiamare le forze dell’ordine perché decine di gruppetti di cittadini composti da molti stranieri, disturbano la quiete pubblica, si ubriacano, spaccano bottiglie e vetrine".

La manifestazione - La cronaca della serata

"Noi  - dice il vicesindaco Mezzacapo - gli universitari li accogliamo a braccia aperte tanto che stiamo valutando, come era già stato annunciato, anche di trovare risorse per aiutarli affinché possano spendere meno negli affitti di Forlì. Vogliamo la loro sicurezza, vogliamo la loro tranquillità, perché solo con la serenità riescono a dare il meglio negli studi. La Sinistra tenta di offuscare il cervello degli studenti affinché diventino elettori della sinistra stessa, ma per fortuna i ragazzi non hanno partecipato ad una manifestazione strumentale a qualche politico di turno".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Arriva la neve di Santa Lucia, il parere dell'esperto: ecco ci attende nelle prossime 48 ore

  • Doccia fredda sui lavoratori del centro commerciale: "Ridotti ulteriormente i festivi di chiusura"

  • Tra gli amici c'era anche l'orco: violentava una bambina di 11 anni durante le 'rimpatriate' del weekend

  • Ci sono due bellezze di Forlì alla finale di Miss Curvyssima

  • Anziano trovato in mezzo alla strada morto con la sua bici in terra

  • Travolta dal vicino al volante di un furgoncino: ennesima sciagura sulle strade del Forlivese

Torna su
ForlìToday è in caricamento