Clima, mozione unitaria in Consiglio comunale. Ma non c'è la dichiarazione d'emergenza

Lunedì sera è stato trovato un accordo tra maggioranza ed opposizione sul tema del clima

Al termine di un Consiglio comunale fiume, lunedì sera è stato trovato un accordo tra maggioranza ed opposizione sul tema del clima. M5S, centrodestra e centrosinistra hanno presentato tre mozioni distinte, ma alla fine, dopo anche un confronto con i ragazzi di Fridays For Future - che poco prima dell'inizio dei lavori avevano organizzato un flash mob tra gli scalini del Municipio - i capigruppo hanno trovato un accordo su un testo unitario votato con 26 voti a favore, ritirando le altre mozioni. "E' il miglior testo per ciò che si deve fare", ha detto Soufian Hafi Alemani, mentre il capogruppo pentastellato Daniele Vergini ha evidenziato come il documento contenga "circa l'80% delle nostre richieste". Il testo è stato eletto dal consigliere della Lega, Massimiliano Pompignoli.

Non è stato dichiarato lo stato di emergenza climatica e il perchè lo ha spiegato il sindaco Gian Luca Zattini, rispondendo ad un question time del Pd: "L'amministrazione comunale ha competenze precise stabile dalle leggi sovraordinate e per questo motivo saranno effettuate le verifiche giuridiche prima di usare l'espressione "dichiarazione di stato di emergenza climatica"". Il sindaco si espresso "su ciò che è possibile fare, anche se in tempi e modalità diversi. Non vi è dubbio che alcune politiche vadano iniziate subito, ma hanno tempi di attuazione medio-lunghi e per questo motivo non è pensabile vederne subito gli effetti".

Il primo cittadino ha tenuto a ribadire che "il cambiamento climatico debba necessariamente preoccupare l'amministrazione, ma in un'ottica di pragmatismo e su questioni di rilevanza locale. Le prese di posizioni di natura ideologica fine a se stesse non concorrono alla soluzione del problema. Ben vengano quindi azioni mirate e concrete per la tutela dell'ambiente; operazioni di maggior contrasto all'inquinamento e maggiore sensibilizzazione alla qualità della vita legate alla qualità dell'ambiente. Ma è totalmente inopportuno entrare da tifosi su una problematica seria ed importante quale quella del cambiamento climatico".

Fridays For Future

Commentano i Fridays For Future: "La mozione approvata è migliore di quella presentata un paio di settimane fa dalla maggioranza, ma non è comunque sufficiente. Tra gli impegni eliminati dalla mozione c'è purtroppo quello che riguarda il consumo di carne e latticini, i pannelli solari e le energie rinnovabili. Il punto sul consumo di suolo è invece molto generico e lascia spazio alle mille deroghe previste dalla legge regionale. È stato rimosso ogni riferimento al concetto di giustizia climatica. Oggi più che mai questo principio è importante per pensare ad un futuro che sia possibile per tutti: non possiamo continuare ad essere la causa principale dei disastri climatici e non assumerci la responsabilità di fronte alle popolazioni attuali e future che stiamo saccheggiando. Ci aspettiamo comunque che l’impegno preso ieri possa essere il primo mattone dal quale partire, e che le decisioni prese dalla politica a tutti i livelli siano conseguenti e possano mettere gli altri. Non bastano ovviamente le parole, servono fatti coerenti con le aspettative. Ci sarà tanto lavoro da fare, tante persone da informare e tutti insieme fare pressione affinché gli impegni presi oggi vengano attuati dalla politica".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Arriva la neve di Santa Lucia, il parere dell'esperto: ecco ci attende nelle prossime 48 ore

  • Doccia fredda sui lavoratori del centro commerciale: "Ridotti ulteriormente i festivi di chiusura"

  • Tra gli amici c'era anche l'orco: violentava una bambina di 11 anni durante le 'rimpatriate' del weekend

  • Ci sono due bellezze di Forlì alla finale di Miss Curvyssima

  • Anziano trovato in mezzo alla strada morto con la sua bici in terra

  • Travolta dal vicino al volante di un furgoncino: ennesima sciagura sulle strade del Forlivese

Torna su
ForlìToday è in caricamento