Crisi, Vietina (Forza Italia) al M5S: "Non infangate il nome di Berlusconi"

Così l'onorevole Simona Vietina, vice commissario dell'Emilia Romagna con delega all'organizzazione e ai dipartimenti di Forza Italia.

I 5 Stelle sono davvero disorientati da questa crisi politica che li ha travolti, come un pendolo si muovono dalla Lega al Pd e lanciano accuse insensate e infamanti all'ultimo vero statista che il nostro Paese ha avuto al governo: Silvio Berlusconi. Condanniamo le parole di Luigi Gallo, presidente della commissione Cultura del Movimento 5 Stelle della Camera dei deputati, che ha associato corruzione e sete di potere al nome del nostro presidente: crediamo che gli italiani sentano la mancanza del buon governo berlusconiano e vogliano il centrodestra alla guida del Paese". Così il deputato Simona Vietina, vice commissario dell'Emilia Romagna con delega all'organizzazione e ai dipartimenti di Forza Italia.
 

"Gallo farebbe bene a tornare nel pollaio del suo partito invece di permettersi di nominare Berlusconi - aggiunge la parlamentare azzurra - Ora i grillini sono pronti a gettarsi nelle braccia della sinistra, che nonostante i maldestri tentativi di smarcarsi da quel mondo fa parte del loro Dna, per restare ancorati alle loro poltrone: alla faccia del cambiamento! E nel giro di poche settimane il grande e affidabile alleato Matteo Salvini è diventato un perfetto Mefistofele, come dice Gallo: strano, fino all'inizio di agosto il leader della Lega non aveva sbagliato una sola mossa.....   Vorrei dire a Salvini che, dopo aver aperto la crisi, si umilia quasi come se dovesse riconquistare la moglie appena tradita: un piccolo consiglio, quando le cose non funzionano la cosa migliore è la separazione, anche per i figli - conclude Simona Vietina - che nel nostro caso sono i cittadini”.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Terrona", il caso della lite condominiale finisce in tv: "Non sono razzista, insulti sotto l'effetto dell'ira"

  • Il maggiordomo vince in tribunale ed eredita 4 milioni di euro

  • Escort e over 45, la trasgressione non ha età: il lato piccante e proibito di Forlì

  • Dopo la collisione cade sull'asfalto, le auto lo schivano: paura in A14 per un centauro

  • Oltre un milione di spettatori per il servizio sull'ospedale di Forlì in onda su Rai Tre

  • La "Panda" diventa un'auto stupefacente: la droga era nascosta nel pianale, tre arresti

Torna su
ForlìToday è in caricamento