Decreto sicurezza e automobilisti multati, Marco Di Maio: "Il Governo ammetta l'errore"

Di Maio ha presentato un’interrogazione parlamentare ai ministri degli interni, degli Esteri e dei Trasporti

"Ingolfamento dei lavori e lunghe file alle motorizzazioni cittadine. È questa la conseguenza della stretta del governo sulla circolazione in Italia di auto estere immatricolate in un Paese dell’Unione europea o extra Ue. Una decisione assunta con il "decreto sicurezza" a cui va subito posto rimedio, come ho già chiesto al governo da settimane con un apposita interrogazione a cui nessuno ha ritenuto di dare risposta". Il deputato romagnolo Marco Di Maio, dopo aver sollevato la problematica pubblicamente nelle settimane scorsse, torna sulla questione delle multe comminate dopo l'entrata in vigore del decreto a danno di molti cittadini che fanno la spola tra la Repubblica di San Marino e la Romagna per questioni di lavoro.

Un giro di vite che ha colpito soprattutto i conducenti che risiedono nel nostro Paese da oltre 60 giorni che rischiano, circolando con un’auto immatricolata all’estero, la confisca del mezzo e una maximulta. Migliaia di persone dunque stanno correndo ai ripari regolarizzando la propria posizione, con un allungamento dei tempi nelle motorizzazioni anche per le pratiche più ordinarie. 

"Non è ammissibile che i cittadini e le imprese debbano subire estenuanti file e lunghissime pratiche burocratiche - afferma -, con i relativi costi che a volte sono molto alti, per sanare una situazione che di fatto non li vede in condizioni di irregolarità: ogni caso è a sé e andrebbe trattato come tale, è sbagliata questa generalizzazione che va a creare disagi economici e di circolazione soprattutto per i transfrontalier".

"Per questo - ha aggiunto Marco Di Maio - ho presentato un’interrogazione parlamentare ai ministri degli interni, degli Esteri e dei Trasporti, affinché il Governo si muova per cercare un’intesa con la Repubblica di San Marino volta a sanare un’evidente criticità che, se non affrontata in tempi brevi, costringerà i proprietari di quei veicoli a spendere diverse migliaia di euro per regolarizzarsi”.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Divampa l'incendio in un'abitazione, distrutta la stanza della cucina. Nessun ferito

  • Cronaca

    La sicurezza parte dalla progettazione della città, linee guida per fare "quartieri ideali"

  • Cronaca

    Sicurezza, quasi pronta la nuova videosorveglianza della zona dei Portici

  • Cronaca

    Lui è ubriaco, i suoi amici lo rimproverano: la lite è furiosa, deve intervenire la Polizia

I più letti della settimana

  • Errore nella differenziata, avviso rosso e bidone ancora pieno: "Ma non c'era tolleranza?"

  • Tenta di togliersi la vita impiccandosi ad un termosifone: strappato alla morte

  • Terza nuova apertura in Piazza Saffi, l'ex "Ceccarelli" attrae imprenditori cesenati

  • Rocambolesco schianto alle porte di Meldola: un'auto si ribalta, l'altra finisce nel fosso

  • Compra in un negozio, ma appena esce cambia idea e pretende i soldi indietro: alla fine viene denunciata

  • Era ricercato per una serie di truffe online in tutt'Italia: bivaccava con un sacco a pelo a Forlì

Torna su
ForlìToday è in caricamento