Di Maio: "Il decreto-sicurezza è una bomba ad orologeria"

Lo afferma il deputato Marco Di Maio, sostenendo l'appello delle associazioni forlivesi e romagnole intervenute pubblicamente per chiedere al Comune di Forlì la sospensione simbolica del decreto sicurezza

"Le associazioni hanno ragione: il decreto sicurezza non solo non risponde ai requisiti di costituzionalità in molti punti, ma neppure ad un principio basilare: quello che tiene insieme sicurezza e libertà, sicurezza e umanità". Lo afferma il deputato Marco Di Maio, sostenendo l'appello delle associazioni forlivesi e romagnole intervenute pubblicamente per chiedere al Comune di Forlì la sospensione simbolica del decreto sicurezza. Decreto che ha cominciato proprio in questi giorni il suo iter alla Camera, nella Commissione Affari costituzionali di cui è segretario Marco Di Maio. 

"Ci opporremo con tutte le forme possibili alla conversione in legge del decreto - afferma il deputato romagnolo - che tra le molte nefandezze, contiene due bombe ad orologeria nel testo: la cancellazione dei permessi umanitari e l'eliminazione dello Sprar, il sistema di protezione per i richiedenti asilo e rifugiati che aveva consentito, grazie all'impulso dato dal ministro Marco Minniti, di mettere in campo un sistema di accoglienza e integrazione diffuso sul territorio". 

"Con il decreto sicurezza, invece, tutto questo scompare - spiega Marco Di Maio -: il provvedimento produrrà nuovi irregolari e farà arretrare da quella difficile politica di integrazione che è doverosa e andrebbe, invece, rafforzata con un maggior equilibrio tra diritti e doveri. Facendo pagare il conto ai comuni e ai sindaci. Come alternativa si vagheggiano centinaia di migliaia di rimpatri che nella realtà non saranno mai realizzati perché non ci sono le forze e mancano gli accordi diplomatici con i paesi di provenienza che, anzi, si stanno incrinando come nel caso della Tunisia". 

"Le istanze espresse dalle associazioni - osserva il parlamentare - spero possano trovare nei Consigli comunali di tutto il territorio, a partire da Forlì, un adeguato riconoscimento; di certo lo avranno nel confronto parlamentare. Più che un decreto sicurezza questo è un decreto insicurezza contro il quale chi ha a cuore il futuro delle nostre comunità fa bene ad opporsi". 

Senza dimenticare il passo indietro sulla lotta alla criminalità. "Nel decreto sicurezza si arretra anche nei confronti della lotta alle organizzazioni criminali - conclude Marco Di Maio -  i beni confiscati alle mafie potranno essere venduti ai privati tramite aste. Consentendo, così, a chi ha disponibilità ingenti come le organizzazioni criminali di poter tornare in possesso dei patrimoni sottratti. Si mortifica il lavoro di molti volontari e si consente ai boss di raggirare due volte lo Stato". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Non rispondeva al telefono: trovato senza vita seduto sul divano davanti alla tv

  • Si apparta per un incontro sessuale, ma l'altro pretende del denaro: una denuncia per estorsione

  • Drammatico incidente sul lavoro: resta incastrato in un tornio e l'avambraccio resta amputato

  • "Il coraggio di dire sì al Signore": giovane architetto forlivese lascia la professione e diventa monaca di clausura

  • Un sushi in salsa romagnola: dopo le cene a domicilio la famiglia decide di aprire un ristorante

  • "Volevamo avere qualcosa di nostro": tutta la famiglia si rimbocca le maniche ed apre un bar

Torna su
ForlìToday è in caricamento