Elezioni, Petroni (FI): "Per il rilancio del centro serve un progetto di grande respiro"

Sono considerazioni di Elisa Petroni, candidata al Consiglio comunale di Forlì nella lista di Forza Italia, a sostegno della candidatura di Gian Luca Zattini sindaco.

“Quando si parla di rilancio del centro storico della città - una priorità che credo stia a cuore a tutti i forlivesi - serve un approccio integrato al problema che tenga conto di più aspetti e anche la consapevolezza che un effettivo suo ritorno ad un ruolo centrale della vitta cittadina potrà essere ottenuto in tempi medio lunghi e non certamente con un tocco di bacchetta magica”. Sono considerazioni di Elisa Petroni, candidata al Consiglio comunale di Forlì nella lista di Forza Italia, a sostegno della candidatura di Gian Luca Zattini sindaco.

"Ritengo - precisa Petroni - che gli ambiti su cui intervenire sono almeno tre: in primo luogo la promozione del centro storico, inteso come centro commerciale naturale, dove chi intende investire nell’ammodernamento o nell’apertura di nuovi negozi possa ricevere incentivi che riguardino l’affitto, la ristrutturazione e l’avvio delle attività. L’amministrazione comunale deve trasformarsi da ostacolo per imprese e commercianti a facilitatore delle attività economiche, per sempio, snellendo le procedure per creazione di dehors, riducendo le tariffe di occupazione suolo pubblico e di imposte sulla pubblicità, solo per citare alcuni semplici aspetti. Serve, poi, una politica dei parcheggi che agevoli l’accesso al centro storico con tariffe decisamente più basse di quelle attuali e anche l’orientamento verso una riduzione della Ztl, scongiurandone ipotesi di allargamento (come previsto dal Piano Integrato dell’Area – Regione Emilia-Romagna)".

“Un secondo aspetto - continua Petroni - riguarda le animazioni in centro storico: l’esperienza dei Mercoledì del Cuore (solo per citare quella più importante) ha dimostrato tutta la sua positività: bisogna insistere su questa strada, potenziando una programmazione che diventi continuativa e che crei sinergia fra le istituzioni e le associazioni locali”.

“Altra questione su cui riflettere - afferma l'esponente berlusconiana - è quella relativa al vivere in centro storico: spesso, forse troppo superficialmente, sento dire che i padroni del cuore cittadino sono gli immigrati, con riferimento all’alto tasso di popolazione straniera che vi ha fissato la propria dimora. Questo è vero, ma è anche la conseguenza di una politica che ha disincentivato le ristrutturazioni nel cuore della città e ha spinto i proprietari di immobili, spesso fatiscenti o comunque non adeguati, a rivolgersi ad affittuari che si accontentano di un alloggio scadente. E’ una tendenza che va assolutamente ribaltata: servono forti incentivi per le ristrutturazioni e facilitazioni per ottenere le autorizzazioni: l’amministrazione comunale si deve fare garante di un grande progetto che porti ad una rifioritura dell’importante patrimonio di palazzi e residenze ubicate nel centro".

"In ultimo, ma non per importanza, - conclude Petroni – rimane aperta la questione sulla sicurezza e non solo per l’alto tasso di stranieri presenti: è necessario attuare tutte quelle azioni che possono creare serenità alla popolazione: mi riferisco all’incentivazione di sistemi tecnologici di videosorveglianza, ad una maggior illuminazione nelle aree più critiche e, ovviamente, all’ incremento dell’azione di controllo della Polizia Municipale, anche in sinergia con organismi privati".
 

Potrebbe interessarti

  • Smettere di fumare: come affrontare la dipendenza senza ricaderci

  • 7 cose da fare in casa prima di partire per le vacanze: tu le hai fatte?

  • Dalla G alla A: come migliorare la classe energetica di casa

I più letti della settimana

  • Arriva al pronto soccorso e muore in poche ore, ucciso da una meningite fulminante

  • Tragedia di ritorno dal mare causata da un colpo di sonno: ventenne muore in autostrada

  • Tragedia nella notte in A14: tra i due morti anche una forlivese

  • Mezzanotte di paura, nuova scossa di terremoto nel forlivese

  • Dipendente comunale ucciso dalla meningite fulminante, profilassi anche in alcuni uffici municipali

  • Trema la terra: doppia scossa di terremoto, in tanti lanciano l'allarme sui social

Torna su
ForlìToday è in caricamento