Elezioni, Petroni (Forza Italia): "Promozione dello sport, serve andare dentro ai problemi"

Sono concetti espressi da Elisa Petroni, candidata al consiglio comunale di Forlì nelle file di Forza Italia, nonché presidente provinciale di Asi (Associazioni Sportive Sociali Italiane).

"Quando si parla di promozione dello sport mi sento direttamente coinvolta, innanzitutto in quanto lo pratico quotidianamente, in secondo luogo perché sono referente provinciale di un ente di promozione sportiva: in sostanza sono dentro ai problemi e non voglio limitarmi ad apprezzarne gli alti valori educativi - specie per i giovani - e i livelli di benessere che una pratica costanza garantisce alle persone: desidero entrare dentro ai problemi di questo universo, per dare il mio contributo ad un possibile miglioramento di diversi aspetti sinergici fra loro". Sono concetti espressi da Elisa Petroni, candidata al consiglio comunale di Forlì nelle file di Forza Italia, nonché presidente provinciale di Asi (Associazioni Sportive Sociali Italiane).

"E’ necessario, innanzitutto - spiega Petroni - partire dalle strutture comunali esistenti, molte delle quali necessitano di interventi di ammodernamento e messa in sicurezza, poi bisogna andare a fondo nei controlli dei gestori di tali impianti, per verificarne la qualità dell’operatività: è una questione forse spinosa, ma l’amministrazione comunale deve farsi carico di questa attività, puntando sempre all’efficienza e rifuggendo logiche di consuetudine che hanno messo radici, ma non hanno perseguito, nel tempo, risultati non dico d’eccellenza, ma almeno di buon livello, salvo pochissime eccezioni". 

"Un capitolo di grande rilievo - continua Petroni - riguarda le finalità educative dello sport per bambini e adolescenti, sulle quali non servono sterili proclami, ma progetti operativi, che vedano come soggetti attivi le associazioni sportive, gli istituti scolastici e anche le parrocchie, dove sta riprendendo quota l’antico e mai sorpassato concetto dell’Oratorio. Lo sport deve diventare una risorsa anche per le fasce deboli della popolazione, con un intervento, ove è possibile anche dell’amministrazione comunale: mi riferisco agli anziani con la creazione di percorsi personalizzati e alle persone diversamente abili, per le quali, sul nostro territorio, ad eccezione di un’associazione di volontariato, regna il deserto assoluto".

"Di non meno conto - ribadisce Petroni - è la qualità di allenatori e  istruttori: insegnare la pratica sportiva non può essere lasciata all’improvvisazione, ma, come in ogni altro settore, deve essere frutto di una formazione adeguata e di una professionalità certa: credo che, anche in questo caso, l’amministrazione comunale deve essere vigile e, in qualche modo garante di tali requisiti. Infine vorrei porre l’attenzione su un aspetto, su cui i cittadini sono particolarmente sensibili: le tariffe. Bisogna fare l’impossibile per ridurre gli affitti orari degli impianti sportivi, oggi francamente troppo onerosi, per facilitare l’accesso allo sport veramente a tutti".
 

Potrebbe interessarti

  • Top Hairstylist in città: scopri a chi affidare il tuo prossimo cambio di stile

  • Cattivi odori addio: ecco come pulire i bidoni della spazzatura

  • Evitare la bolletta salata in estate con questi 3 suggerimenti

  • Nausea e cerchi alla testa? 5 rimedi per far passare prima la sbornia

I più letti della settimana

  • Giovane harleysta morto sulla Cervese, la fidanzata in prognosi riservata. C'è un testimone della sciagura

  • Va alla scoperta delle bellezze rurali, un infarto lo uccide: la vittima è un volto noto di Forlì

  • Tragico incidente all'alba: quattro morti, tra loro due fratelli minori

  • Tragedia nella notte: si schianta contro un albero, muore una 26enne

  • Ancora sangue sulle strade: sciagura in serata, muore un 28enne forlivese

  • Accertato un caso di Dengue a Forlì: scatta il Piano di disinfestazione contro la zanzara tigre

Torna su
ForlìToday è in caricamento