Elezioni regionali, sulla scheda anche il Popolo della Famiglia: "L'emergenza è la denatalità"

"Per questo da fine ottobre saremo già nelle piazze delle principali città della regione", annuncia De Carli

Il Popolo della Famiglia annuncia la propria presenza nelle prossime elezioni regionali in Emilia-Romagna con l’obiettivo primario di incrementare i servizi sanitari a favore delle natalità, in primis i punti nascita Il prossimo 26 gennaio si voterà per rinnovare il Consiglio e la Presidenza della Regione Emilia-Romagna e il Popolo della Famiglia sarà della partita con il proprio simbolo sulla scheda elettorale. "Stiamo lavorando ad un’aggregazione unica con i partiti aderenti al Partito Popolare Europeo, in primis Forza Italia, con l’obiettivo di allargare al centro la coalizione di centro-destra e di portare al voto tante famiglie deluse dalla politica degli annunci", afferma Francesco Farolfi, referente del Popolo della Famiglia di Forlì

"Una cosa ad oggi è certa: il nostro simbolo sarà sulla scheda e porterà in Regione la vera emergenza del nostro tempo, quella della denatalità. Per questo da fine ottobre saremo già nelle piazze delle principali città della regione con una petizione per la riapertura dei punti nascita chiusi (soprattutto nelle zone montane) e per l’apertura di nuove strutture in grado di sopperire alle carenze attuali", dichiara Mirko De Carli, coordinatore nazionale Alta Italia del Popolo della Famiglia

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nel weekend tornano freddo e neve, ecco dove sono attesi i fiocchi. Ma l'inverno non decollerà

  • E' confermato il ritorno della neve, ecco dove sono attesi i fiocchi bianchi: allerta "gialla"

  • Donna in carrozzina investita sulle strisce pedonali mentre attraversa vicino al supermercato

  • Tenta il suicidio lanciandosi contro le auto in transito: salvato dalla Polizia

  • Cinquantenne malata di un grave tumore salvata dai primari di Forlì e Rimini

  • La Dakar si macchia dell'ennesima tragedia, il dolore dei piloti forlivesi: "Una giornata triste"

Torna su
ForlìToday è in caricamento