Elezioni regionali, un "nuovo patto per il lavoro". Zoffoli: "Stiamo incontrando i lavoratori"

Dice Zoffoli: "Ho letto con grande interesse le proposte contenute nel documento "Un nuovo Patto per il Lavoro" che i sindacati confederali intendono sottoporre ai candidati alle imminenti elezioni regionali

Paolo Zoffoli, candidato al consiglio regionale per il Pd forlivese, in queste mattinate sta  incontrando i lavoratori delle fabbriche del territorio, per raccogliere le loro istanze e portarle in Regione. "Il tema del lavoro è sicuramente centrale in questa campagna elettorale e lo è stato durante questi 5 anni in Regione - esordisce Zoffoli -. A questo proposito ho letto con grande interesse le proposte contenute nel documento "Un nuovo Patto per il Lavoro" che i sindacati confederali intendono sottoporre ai candidati alle imminenti elezioni regionali".

"Le priorità che i sindacati propongono sono condivisibili e trovano riscontro nell’azione amministrativa della Regione Emilia-Romagna a guida Bonaccini degli ultimi cinque anni - continua il candidato dem -. È riconosciuto da tutti, infatti, che il Piano per il lavoro sottoscritto dall’amministrazione Bonaccini, con Province, Comuni capoluogo, sindacati, associazioni di imprese e di professionisti, terzo settore, atenei, Ufficio scolastico regionale, ABI e Unioncamere, sia stato uno degli assi portanti di questa legislatura.  Il documento ha contribuito, fra le varie, in un momento di grande crisi economica, a ridurre in Emilia-Romagna la disoccupazione dal 9% al 5%".

"Dal 2014 al 2018 - prosegue Zoffoli - il valore aggiunto dell’Emilia-Romagna – ovvero la qualità di ciò che si produce in Emilia- Romagna, qualità frutto non solo dell’innovazione tecnologica ma anche della creatività e delle competenze delle persone - è cresciuto del 5,5%, più della media nazionale (+4,5%), l’occupazione ha superato la soglia di 2 milioni di occupati, 94 mila in più rispetto alla media del 2014 (+4,9%), la quota di Neet, i giovani che non studiano né lavorano che segna un -4%, la riduzione degli abbandoni scolastici prematuri di un altro 2% e il tasso di scolarizzazione superiore che sale all’85% (+3,5%) ed è aumentato il livello di internazionalizzazione del sistema produttivo regionale.

"Il piano degli investimenti, infatti, ha portato il raggiungimento di obiettivi concreti, tangibili, rilanciando un sistema sociale ed economico che ora necessita di essere ulteriormente consolidato - continua il candidato del Pd -. Il presidente Bonaccini ha più volte dichiarato che in caso di una sua rielezione, la prima azione sarà realizzare unitamente a tutti i soggetti interessati un nuovo patto per il lavoro e il patto per il clima. Non ho dubbi, quindi, che la proposta dei sindacati confederali possa essere un importante contributo propedeutico alla stesura dei prossimi Piani regionali". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rapina con la pistola e strattona la farmacista terrorizzata, arrestato nel giro di due giorni

  • L'auto sfreccia ad alta velocità, scatta l'inseguimento sulla via Emilia: alla guida c'era uno spacciatore

  • Travolge una passante nei pressi del centro commerciale e non si ferma. Trovata grazie alle telecamere di ultima generazione

  • Elezioni, i programmi a confronto in 7 domande uguali per 7 candidati: queste le loro priorità e proposte

  • In fuga a tutto gas sull'auto rubata: il lungo inseguimento finisce con lo schianto e l'arresto

  • Volto coperto e pistola in pugno: ancora un assalto in una farmacia di Forlimpopoli

Torna su
ForlìToday è in caricamento