Elezioni, Zanetti a Zattini: "Il San Domenico non è la sola eccellenza culturale"

E' quanto afferma il candidato al Consiglio comunale per la lista civica con Giorgio Calderoni, Lodovico Zanetti

"E' sbagliato sostenere che l'unica realtà museale di eccellenza della nostra città sia il San Domenico". E' quanto afferma il candidato al Consiglio comunale per la lista civica con Giorgio Calderoni, Lodovico Zanetti, commentando la dichiarazione del candidato sindaco della destra a Forlì, Gian Luca Zattini, sulla situazione culturale forlivese. "Capisco che la sua parte politica, che si caratterizza con personaggi che sostengono che “con la cultura non si mangia” sia difficile capire che ha offeso il vero patrimonio culturale della nostra città - esordisce -. I tanti operatori che per passione, spesso da volontari, con limiti finanziari terribili, frutto dei tagli al comparto, fatto dai governi, si impegnano, ogni giorno, per i tanti eventi che vengono realizzati a Forlì. A loro dovrebbe chiedere scusa per questa mancanza di rispetto per il tanto lavoro già svolto".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Altrettanto sbagliato sostenere che l'unica realtà museale di eccellenza della nostra città sia il San Domenico - prosegue Zanetti -. Ora , capisco che lui, da forestiero, non sia a conoscenza di quanto di buono fatto dalle amministrazioni di centro sinistra in città, per la cultura. Ma che gli sia sfuggita una chicca di rilevanza nazionale come Palazzo Romagnoli, museo comunale, che ospita, in una cornice di eccezionale qualità espositiva, la collezione Verzocchi, un unicum di opere unite tema del lavoro, che vede , tra l'altro, quadri di Depero, De Chirico, Guttuso, Casorati, Carrà, De Pisis, Vedova, stupisce davvero. Un excursus unico e irripetibile sull'arte pittorica italiana del secolo scorso, donato a Forlì da un grande mecenate, che merita di essere citato, e soprattutto visitato. E non dimentichiamo le sculture di Wildt e una sala monotematica su Morandi, che imporrebbero, da sole, un passaggio. Grave che chi si candida a guidare una città non ne conosca aspetti culturali di tale rilevanza, o, peggio li ignori per biechi interessi elettorali. Perchè, parafrasando certe scappate elettorali della sua lista, mi è capitato spesso , in altre città, specie se amministrate dal centro destra, di pensare, ma come siamo più bravi a Forlì, a occuparci di cultura". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il telefono diventa muto e dal conto spariscono migliaia di euro: quarta truffa sui soldi in banca in un mese

  • Il covid-19 non ferma il progetto di quattro giovani: "Apriamo una pizzeria e puntiamo sulla qualità"

  • Covid-19, 109esima vittima nel Forlivese: è una donna di 80 anni

  • Dal tampone pre-assunzione scopre di essere positivo al covid-19

  • "Voglio farla finita": poliziotti e operatori sanitari salvano la vita ad un 21enne

  • Coronavirus, nel forlivese un nuovo caso ma nessun decesso

Torna su
ForlìToday è in caricamento