Emergenza climatica, il centrosinistra: "La maggioranza consiliare di centrodestra sconfessa Zattini"

E’ quanto affermano in una nota congiunta i Gruppi consiliari di centrosinistra a Forlì (Partito Democratico e Lista civica con Giorgio Calderoni)

"Con la mozione presentata sul tema del cambiamento climatico, la maggioranza consiliare di centrodestra sconfessa il suo sindaco Zattini che, a tre giorni dal ballottaggio, appena un mese fa, aveva firmato la dichiarazione di emergenza climatica e ambientale".  E’ quanto affermano in una nota congiunta i Gruppi consiliari di centrosinistra a Forlì (Partito Democratico e Lista civica con Giorgio Calderoni).

"Leggendo la mozione della maggioranza, si riscontrano mancanze fondamentali e silenzi inaccettabili. Fin dalle premesse, le responsabilità antropiche nel mutamento climatico vengono minimizzate o, addirittura, negate completamente, ignorando incontrovertibili prove scientifiche a loro sostegno - proseguono i dieci consiglieri -. In conseguenza di questo approccio, anche le soluzioni prospettate appaiono deboli oppure assenti. Infatti nel testo della mozione manca l’impegno del Consiglio a dichiarare l’emergenza climatica e a porre il contrasto al mutamento del clima al vertice delle priorità nella futura azione amministrativa. Non meno eloquenti sono i silenzi su questioni come l’impegno a rendere il territorio comunale plastic free, a incentivare la rigenerazione urbana in un’ottica di zero consumo del suolo e a sostenere l’agricoltura biologica".

Viceversa, i consiglieri dell’opposizione di centrosinistra hanno consegnato già durante la seduta del consiglio del 28 giugno scorso la propria mozione congiunta ai rappresentanti del movimento “Fridays for Future” che si erano incatenati sotto il palazzo comunale. "Con i 14 punti del nostro documento - spiegano -, intendiamo chiedere al sindaco e alla giunta di impegnarsi su tematiche che riguardano l’intera collettività, che vanno dall’ambiente allo sviluppo sostenibile e che costituiscono i pilastri indispensabili per la salute e il benessere dei cittadini".

"Stupisce e dispiace quindi che su proposte di semplice buon senso, che dovrebbero vedere tutte quante le forze politiche unite nell’interesse comune, la chiusura ideologica e pregiudiziale della maggioranza impedisca l’apertura di un confronto costruttivo e proficuo", concludono.

Per i Verdi, "la mozione depositata in Comune dal centrodestra è un tradimento delle promesse fatte in campagna elettorale, incalzati dai giovani del movimento, e temiamo che qualche sottoscrittore non si sia nemmeno accorto di quello che stava firmando. Non è troppo tardi, però: la mozione non è ancora stata votata e può essere ritirata prima del Consiglio di lunedì. Non sarebbe un passo indietro, ma una dimostrazione di umiltà e di serietà nell’ammettere l’errore e ripartire da zero. Sarebbe meglio ammettere un incidente di percorso piuttosto che far vedere alla cittadinanza, già dal primo dibattito politico, una completa sudditanza nei confronti del ministro cattivista e negazionista padano".
    
    
    
 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia in ospedale: 20enne si lancia nel vuoto e perde la vita

  • Tragedia sui binari, muore una 13enne. Traffico ferroviario in tilt: cancellazioni e ritardi

  • Un forlivese taglia il traguardo dell'Ironman 2019 tra i primi cinque

  • Il maggiordomo vince in tribunale ed eredita 4 milioni di euro

  • Si schianta contro un furgone e resta incastrato sotto un'auto: grave uno scooterista

  • "Terrona", il caso della lite condominiale finisce in tv: "Non sono razzista, insulti sotto l'effetto dell'ira"

Torna su
ForlìToday è in caricamento