Forza Italia indica al neo sindaco Zattini le tre priorità: "Verde pubblico, Alea e reddito di cittadinanza"

"Tre temi che Forza Italia ha trattato anche con voce critica nei mesi scorsi - afferma Ragni -. Per prima cosa proponiamo di convocare in tempi brevissimi il vertice di Alea"

Al neosindaco di Forlì, Gian Luca Zattini, il coordinatore comunale di Forza Italia, Fabrizio Ragni, elenca tre priorità da mettere in agenda in avvio di mandato amministrative: verde pubblico, raccolta rifiuti con Alea   Reddito di cittadinanza. "Tre temi che Forza Italia ha trattato anche con voce critica nei mesi scorsi - afferma Ragni -. Le nostre proposte? Per prima cosa proponiamo di convocare in tempi brevissimi il vertice di Alea così da monitorare il livello di servizio offerto  e correggere eventuali malfunzionamenti e avviare quel miglioramento della raccolta differenziata per cittadini e imprese da più parti, e soprattutto da noi, invocato a viva voce e senza sconti".

“Poi, visto che il maxi appalto da 1,4 milioni di euro all'anno per la gestione del verde pubblico del Comune di Forlì langue e che sfalci e pulizia di parchi e giardini  latitano, proponiamo al sindaco Zattini   – come consentirà la modifica al codice degli appalti del decreto sblocca cantieri in gestazione al parlamento – di avviare una serie di micro appalti aperti a ‘garden’ e negozi di fiori cittadini che possano garantire la cura del verde in ogni quartiere - continua -. L’affidamento diretto dei lavori è permesso fino alla soglia dei 150 mila euro e dunque il provvedimento  permetterebbe  alle ditte forlivesi di sostenere  manodopera locale, rilanciando anche l’economia, riportando l’immagine arborea di Forlì a livelli dignitosi".

"Inoltre, come terza proposta suggeriamo al Comune di chiedere in tempi stretti all’ Inps l’elenco dei beneficiari  del reddito di cittadinanza al fine di stilare l’albo delle persone che dovranno effettuare - come prevede la norma - un massimo di 8 ore a settimana per lavori di pubblica utilità e partecipazione a  progetti  comunali  utili alla collettività, in ambito culturale, sociale, artistico, ambientale, formativo e di tutela dei beni cittadini - prosegue l'esponente berlusconiano -. E’ necessario che il Comune pubblichi il decreto con il quale vengono predisposte le procedure amministrative utili per l’istituzione di questi progetti. Così come sarà urgente mettere in linea al più presto il Patto per il Lavoro che i maggiorenni, i non occupati e coloro che non frequentano alcun corso di studi e percepiscono il reddito di cittadinanza  dovranno  sottoscrivere”.

"Sono tre misure che attengono strettamente alla cura dell’ambiente ed alla promozione del lavoro, contrastando il degrado e la disoccupazione. E, a nostro parere, su questi temi  è necessario  che da parte della nuova maggioranza di centrodestra in Comune vi sia la massima vigilanza e la volontà di fornire subito in avvio di mandato un segnale di cambiamento politico", conclude.

Potrebbe interessarti

  • Aperitivi a Forlì: 5 locali per un happy hour all'aria aperta

  • Giugno, le sagre sbocciano in tutta la Romagna: ecco tutti gli imperdibili appuntamenti

  • Sfratto per gli scarafaggi: come allontanarli da casa una volta per tutte

I più letti della settimana

  • Ballottaggio, storica vittoria di Zattini. Forlì cambia dopo 50 anni - La diretta

  • Investite su viale Roma: due giovani ferite, una portata con l'elicottero a Cesena in gravi condizioni

  • Grave incidente in viale Roma: atterra anche l'elimedica

  • In preda all'alcol litiga con la madre e poi si lancia dalla finestra di casa: è in prognosi riservata

  • Arrivano le prime bollette di Alea, ma in molti ancora non vedono il risparmio: ecco i motivi

  • Il Consiglio comunale che verrà in attesa della nuova giunta: la metà dei seggi alla Lega

Torna su
ForlìToday è in caricamento