Forza Nuova protesta in Prefettura: "Giuda chi ci guadagna, basta profughi in Romagna"

Si è chiuso il nuovo bando della Prefettura di Forlì per l'affidamento del servizio di accoglienza di ben 135 'profughi' per tutto l'anno 2016, con possibilità di proroga anche per il 2017

Altri profughi in arrivo in Valle del Rubicone e Forza Nuova annuncia battaglia. Si è chiuso il nuovo bando della Prefettura di Forlì per l'affidamento del servizio di accoglienza di ben 135 'profughi' per tutto l'anno 2016, con possibilità di proroga anche per il 2017. Così una trentina di militanti forzanovisti si sono dati appuntamento sabato pomeriggio davanti al palazzo del governo di piazza Ordelaffi a Forlì per protestare contro quello che è stato definito "più volte e senza mezzi termini un vero e proprio business dell'accoglienza" e per chiedere quindi un incontro urgente con un rappresentante della prefettura.

Incontro accettato immediatamente e porte aperte per una delegazione di rappresentanti forzanovisti, tra i quali il responsabile Romagna Mirco Ottaviani, la sua vice Desideria Raggi, ed il referente per Valle del Rubicone (il territorio interessato dei nuovi arrivi) Giuseppe Esposito, accolti negli uffici del capo di gabinetto Michele Truppi. "1.582.875,00 iva esclusa - ha ripetuto più volte Ottaviani al megafono - e non è il montepremi della prossima lotteria d'Italia ma bensì l'ennesimo schiaffo alla dignità di tanti italiani che sopravvivono a stento, molti dei quali senza nemmeno un'abitazione nella quale scaldarsi". "Gli stessi Italiani - ha specificato - che solo i militanti forzanovisti, nel totale silenzio di media e giornali e con la più completa indifferenza di istituzioni e amministrazioni comunali, aiutano quotidianamente attraverso il progetto Solidarietà Nazionale, con la raccolta e consegna di generi alimentari, vestiario, e vari beni di prima necessità".

"Gli stessi Italiani - ha incalzato - che porteremo con noi presso le strutture interessate dai nuovi arrivi per chiedere, e se necessario prenderci anche con la forza, una stanza e qualche letto anche per loro". "Già si conoscono infatti le cooperative partecipanti al bando, tra le quali la vincitrice, gestite dai soliti noti speculatori, pronti a riempirsi la bocca di solidarietà ed accoglienza ma destinando i loro 'gesti caritatevoli' esclusivamente laddove vi è un cospicuo ritorno economico". Per poi concludere: "Il popolo Italiano è di fronte ad una scelta: da una parte un'invasione sfrenata con la fine dell'identità italiana e della sua millenaria cultura, e dall'altra un blocco immediato dell'immigrazione e l'avvio di un celere rimpatrio. Noi abbiamo scelto da tempo".

IMG-20160130-WA0011-2

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Perde l'equilibrio e sbatte contro la roccia: la giornata al fiume finisce in tragedia, muore una ragazza

  • C'è anche una media del 10, ecco gli studenti più bravi del liceo scientifico

  • La Polizia segue il viaggio in treno del cliente, due pusher finiscono in arresto

  • Covid-19, tornano ad aumentare i casi attivi: a Forlì due nelle ultime 24 ore

  • Scuole: ragioneria raddoppia le prime, lo Scientifico con una succursale. "Didattica a distanza a rotazione"

  • Fa una gita con gli amici e inciampa in una radice: portata al 'Bufalini' in elicottero

Torna su
ForlìToday è in caricamento