Gli ex consiglieri dopo Balzani attaccano Errani

L'associazione degli ex consiglieri attacca la Regione e il presidente Vasco Errani, nella sua nota: "Con il romagnolo Errani il progetto aeroporti è fallito miseramente e il PRIT è nato vecchio"

Amministratori comunali a processo da parte dell'Associazione ex consiglieri comunali del Comune di Forlì, il cui presidente è Romano Baccarini, ex senatore Dc, vice è l'ex sindaco Nadia Masini e segretario Flavio Giunchi, ex consigliere PdL. Un incontro dedicato al tema delle infrastrutture, con duri attacchi – come riportato dalla stampa alcuni giorni fa – all'amministrazione in carica.

Con una nota, intanto, i “vecchi leoni” della politica di dicono dispiaciuti “per l'assenza alla manifestazione di rappresentanti politici della maggioranza che non essendo stati presenti non hanno colto il senso dell'iniziativa. Così come l'Amministrazione comunale, anch'essa assente, avrebbe potuto, partecipando, esprimere le proprie posizioni ed esplicitare i propri progetti e ribattere nel merito le critiche che inevitabilmente emergono quando la discussione è vera e le posizioni possono essere diverse”.

L'Associazione, sostiene di avere “come unico obiettivo lo sviluppo delle nostre comunità, ha voluto richiamare l'attenzione e l'interesse degli addetti ai lavori e non sull'importanza di compiere una riflessione, seria, sulla politica infrastrutturale ed essere di stimolo a chi governa a non sottovalutare questi argomenti”.
"La grave crisi che attanaglia il nostro Paese - ha detto Romano Baccarini che presiedeva l'incontro - non può esimerci da una progettualità su  questa grande problematica e la mancanza di risorse non può giustificare atteggiamenti dilatori o peggio che non affrontano i nodi dello sviluppo e della crescita". "Già dalla riflessione e dall'esame del PRIT sono emerse tutta una serie di criticità, di insufficienze e di ritardi che riguardano in particolare l'area forlivese - ha sostenuto Danilo Casadei che ha preso la parola dopo Baccarini - ritardi e insufficienze che ritroviamo anche sul versante delle infrastrutture".

Il confronto della serata si è incentrato prevalentemente su alcune grandi questioni: L'Aeroporto "Luigi Ridolfi" Lo Scalo Merci di Villa Selva La Via Emilia Bis con la Cervese e la nuova E55. Diversi gli interventi che si sono succeduti: l'Assessore provinciale Maurizio Castagnoli, il Vice Presidente della provincia Guglielmo Russo, i capi gruppo consiliari Alessandro Rondoni e Andrea Pasini, i consiglieri della Lega Nord Paola Casara e Gianluca Zanoni e l'ex Sindaco di Forlì Franco Rusticali.

L'associazione degli ex consiglieri attacca la Regione e il presidente Vasco Errani, nella sua nota, attribuendo la dichiarazione all'assessore provinciale Maurizio Castagnoli: “Un dato comune a tutti è stata la stigmatizzazione del ruolo avuto dalla Regione soprattutto per l'incapacità di svolgere la funzione di coordinamento e indirizzo sul sistema aeroportuale, sulla vicenda dello scalo merci e più in generale sull'intero sistema della mobilità regionale. Con l'emiliano Bersani la Regione aveva fatto sostanziosi passi in avanti. Con il romagnolo Errani il progetto aeroporti è fallito miseramente e il PRIT è nato vecchio".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Perchè c'è un silenzio ostile da parte dell'Amministrazione comunale sul progetto della Via Emilia bis quando sappiamo che l'attuale tracciato sopporta un traffico veicolare giornaliero di 30.000 veicoli?" ha detto il vice-presidente Russo. "Avevo chiesto che il Consiglio Comunale incontrasse il Governatore dell'Emilia-Romagna ma la mia istanza non ha avuto risposta" gli ha fatto eco Rondoni del PdL. "In passato abbiamo fatto molto. Quanto all'Aeroporto, chi lo rileverà, si troverà ad operare con tecnologia moderna e all'avanguardia e la situazione debitoria della società di gestione riguarda anche strutture analoghe vicine a noi registrando però comportamenti ben diversi" è stato l'intervento di Franco Rusticali.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il tuffo in mare si trasforma in tragedia: giovane muore sotto gli occhi degli amici

  • Viene da Malta, ufficializzata la prima compagnia aerea con un aereo con base al "Ridolfi"

  • Coronavirus, tre nuovi tamponi positivi. Un'infermiera colpita per la seconda volta dal virus

  • "Vuole ucciderla", i Carabinieri corrono subito. Picchiava la compagna davanti alla figlioletta, arrestato

  • "Picchiato con calci e pugni": paura sotto la torre dell'orologio, 23enne ferito

  • Il prof Carlo Flamigni se ne è andato via con una sua poesia sulla morte

Torna su
ForlìToday è in caricamento