Anche a Forlì nasce il movimento delle "sardine" contro Salvini: "In piazza contro la politica dell’odio"

A crearlo è stato Derik Maltoni, 19 anni affiancato da Silvia Bartoletti e Nakia Gardini, e già martedì mattina ha raccolto diversi iscritti

Anche a Forlì è nato il gruppo di "sardine anti-Salvini". Martedì mattina, infatti, è stato ufficialmente inaugurato un gruppo Facebook - denominato 'Sardine di Forlì #ForlìSiSlega': l'immagine fa fa da sfondo alla pagina social raffigura una sardina accompagnata dalle scritte "Forlì non si lega" e "La Romagna non si lega". A crearlo è stato Derik Maltoni, 19 anni, affiancato da Silvia Bartoletti e Nakia Gardini, e già martedì mattina ha raccolto diversi iscritti, tra i quali l'ex sindaco Davide Drei, il consigliere comunale Soufian Hafi Alemani e il sindacalista della Cgil Gianni Cotugno. 

Le "sardine" a livello regionale sono nate da un'idea di quattro ragazzi che hanno deciso di sfidare il leader della Lega Nord Matteo Salvini, che il 14 novembre a Bologna ha lanciato la candidatura di Lucia Borgonzoni alla presidenza della Regione Emilia-Romagna, organizzando una contro-manifestazione pacifica e riuscendo a portare in piazza Maggiore più di 15mila persone. Da lì le sardine non si sono più fermate e anche in altre città hanno iniziato a organizzarsi dei gruppi per protestare contro la presenza di Salvini - l'ultima a Modena lunedì sera, dove in Piazza Grande si sono riunite sotto la pioggia migliaia di persone. 

L'idea è sdoganata quindi anche in Romagna. Illustra Maltoni: "Abbiamo deciso di riunire le persone che hanno il coraggio di scendere in piazza contro la politica dell’odio. Io nello specifico sono di Ravenna, ma studiando a Forlì mi rendo sempre più conto del clima di odio che si sta creando, ed era giunto il momento di fare qualcosa per sostenere amore, libertà e diritti". Maltoni si è tesserato al Pd nel 2018 subito dopo le elezioni politiche, partecipando attivamente anche alla festa di Borgo Sisa. Ma poi, spiega, "mi sono reso conto che il Pd di Renzi non mi piaceva e ho deciso di non rinnovare la tessera". 

Argomenta il 19enne: "Dopo che Renzi ha deciso finalmente di andarsene sono molto propenso a tornare, anche se il segretario Nicola Zingaretti dovrà fare molti cambiamenti nel partito". Per Maltoni "il Pd deve mettere in prima linea le donne e i giovani, e deve tornare nelle piazze fra la gente. Deve tornare a combattere, con la stessa forza Comunista, verso lavoratori, deboli ed emarginati. E in più deve portare avanti battaglie per ambiente, diritti, donne, integrazione e sanità. Solo cambiando il Pd può tornare ad essere un grande partito per questo paese".

La Lega cresce nelle percentuali, ma per Maltoni la sinistra non è decaduta: "Le persone di sinistra ci sono, le troviamo alle manifestazioni per l’ambiente, ai pride, e alle manifestazioni per diritti e integrazione, come People che si è tenuta a Milano. Al Pd non mancherebbero i voti se realizzasse un bel programma, e una bella propaganda, fatta di piazze, di amore, di libertà e soprattutto di proposte". L'obiettivo è ora portare le "sardine" in piazza: "Vogliamo riempire ogni strada di Forlì con la nostra presenza". Ma, chiarisce il 19enne, "per il momento vogliamo far conoscere il nostro gruppo. Partiremo con il contattare gli organizzatori di Bologna e Modena, e poi arriveremo ai politici. Da li tracceremo la linea su come procedere per arrivare in piazza".

Immagine dal gruppo Facebook

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Non rispondeva al telefono: trovato senza vita seduto sul divano davanti alla tv

  • Dramma in A14, auto si schianta fuori strada e si ribalta nel fosso colmo d'acqua: un morto ed una donna ferita

  • Si ritrova "sgraditi ospiti" nella minestra: protesta per le larve nel pacco di pasta

  • Si apparta per un incontro sessuale, ma l'altro pretende del denaro: una denuncia per estorsione

  • Drammatico incidente sul lavoro: resta incastrato in un tornio e l'avambraccio resta amputato

  • "Il coraggio di dire sì al Signore": giovane architetto forlivese lascia la professione e diventa monaca di clausura

Torna su
ForlìToday è in caricamento