L'assessore Leech: "Forlì, museo a cielo aperto del Razionalismo"

Esordisce così Patrick Leech, Assessore alla Cultura e alle Relazioni Internazionali, all'indomani della presentazione pubblica del restauro della statua di Icaro

L’avvio del progetto di pulitura della statua di Icaro, coordinato dal Fondo per la Cultura, realizzato grazie al lavoro gratuito di numerosi specialisti ed al sostegno economico di imprese e cittadini, testimonia l’attenzione dell’Amministrazione comunale per i monumenti e l’architettura cittadina, e più in generale per la storia della città”. Esordisce così Patrick Leech, Assessore alla Cultura e alle Relazioni Internazionali, all'indomani della presentazione pubblica del restauro.

“Il progetto – continua l'assessore - è perfettamente in linea anche con ATRIUM (sigla inglese che significa “Architettura dei regimi totalitari nella gestione dello spazio urbano”), un progetto finanziato con fondi europei volto a valorizzare l’architettura novecentesca che caratterizza parti importanti della nostra città. Forlì è, effettivamente, per gli amanti dell’architettura razionalista, un grande “museo a cielo aperto”, uno straordinario esempio di realizzazione di interventi architettonici appartenenti ad un periodo temporalmente limitato e collegati ad alcune delle correnti artistiche internazionali più importanti”.  

“Una considerazione sull’architettura della città, però, non può prescindere da una riflessione forte, di tipo storico-critico sulla storia forlivese, italiana ed europea, nella consapevolezza che anche esempi architettonici molto rilevanti dal punto di vista della qualità necessitano, non di meno, di  una contestualizzazione storica, di una lettura delle dinamiche politiche, sociali e culturali che hanno caratterizzato la prima metà del ‘900. Solo così possiamo vedere e capire perché l’esempio più significativo dell’architettura razionalista a Forlì, l’ex sede della GIL, riporti un giuramento sanguinario di fedeltà al regime fascista.  - spiega Leech - Allo stesso modo l’organizzazione dello spazio della città attorno al monumento ai Caduti era un segno di particolare attenzione verso l’esperienza bellica della prima guerra mondiale, la cui interpretazione in chiave nazionalista faceva parte dell’ideologia fascista. Possiamo continuare con gli esempi: i mosaici presenti nell’ex-collegio aeronautico ripercorrono in maniera esteticamente affascinante la storia del volo, ma al contempo sono stati concepiti per combinare il mito del volo con l’ideologia bellica e imperialista di Mussolini.  La stessa statua di Icaro, che domina Piazzale della Vittoria, fu ideata per esprimere la precisa volontà del regime di collegarsi ad alcuni miti, ritenuti utili alla sua auto-rappresentazione di potenza.
Il museo a cielo aperto, dunque, deve riconoscere prioritariamente questi aspetti assai controversi della storia della città, oltre a valorizzare le sue bellezze architettoniche.  La premessa etica della libertà e lo sguardo critico possono orientare la fruizione di spazi che hanno caratterizzato - in maniera emblematica - un’ideologia totalitaria”.

“Il progetto ATRIUM, che vede il Comune di Forlì nel ruolo di capofila, ha la finalità di creare una “rotta culturale europea” che valorizzi l’architettura all’interno di un ragionamento critico e comparativo della storia, l’analisi dei traumi e delle violenze operati dai regimi totalitari, fascisti e comunisti, che hanno caratterizzato il ‘900 europeo. - conclude  - Il messaggio che va trasmesso, soprattutto ai giovani, deve essere di piena consapevolezza di tutta la storia del Novecento di cui Forlì, per ragioni storiche particolari, funge da testimone  importante.  Le pietre, i palazzi e gli spazi delle nostre città fanno parte della nostra esperienza contemporanea e quotidiana. Usiamoli anche per tenere ben vivo il senso della storia novecentesca, una storia in cui dalla resistenza contro i regimi totalitari è emersa l’Europa della democrazia e della libertà, il valore più prezioso per ogni essere umano”.
 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • Se cambia regime, il nuovo rimuove i simboli del vecchio: Accadeva nell' antico Egitto, successe con l'affermazione del cristianesimo ed accade oggi in Germania nei confronti dell' ex DDR. Io invece penso che la storia debba essere assunta tutta criticamente, non sono preso da furie iconoclastiche, Quando in Consiglio Comunale si discusse se togliere o ripristinare la scritta del giuramento fascista, fui io a proporre di lasciarla mantenendo i segni della sua rimozione, (bisogna però mettervi un cartello esplicatore altrimenti ci prendono per scemi). Il problema è che l'operazione va condotta con equilibrio per non fare diventare il tutto una banale Duceland nostalgica ed acritica.

Notizie di oggi

  • Politica

    Aeroporto e piano industriale, a gennaio partiranno i lavori di riqualificazione. "Crescita del 7% a partire dal 2020"

  • Cronaca

    Pannolini e pannoloni, fumata bianca sulle tariffe che diventano "sociali"

  • Incidenti stradali

    Auto piomba contro la scolaresca e ferisce bimbi e maestra: "Salvi, grazie Santa Lucia"

  • Meteo

    Coppia di perturbazioni in transito e freddo: il mix porterà anche la neve

I più letti della settimana

  • Auto piomba contro la scolaresca e ferisce bimbi e maestra: "Salvi, grazie Santa Lucia"

  • Rogo, evacuato per una notte il condominio. Straniero di passaggio soccorre gli anziani

  • Edicolante immobilizzato da quattro banditi e derubato, ma reagisce e fa arrestare una di loro

  • Sciagura a Meldola: si lancia dal Ponte dei Veneziani e perde la vita

  • Meteo, ultime ore di sole. Neve e pioggia in arrivo: ecco dove sono attesi i fiocchi

  • La nuova società di gestione può prendere possesso dell'aeroporto Ridolfi

Torna su
ForlìToday è in caricamento