"L'Unione dei Comuni non basta". Il vicesindaco tifa per la Romagna metropolitana

"In sostanza i problemi degli aeroporti di Forlì e Rimini devono essere fatti propri anche da Ravenna e da Cesena, così come i problemi di una scuola a Forlì devono appartenere anche agli altri e viceversa"

“Qual'è il tema più rilevante che oggi attraversa Forlì e la Romagna e che dovrebbe essere il vero filo conduttore di ogni campagna elettorale? A mio avviso è quello della  necessità  di far partire subito una politica unitaria in Romagna con l'obbligo, prima morale che politico, di abbandonare i vecchi conflitti e concorrenze al ribasso su ogni tema per un rilancio, di fatto, metropolitano”. Il vicesindaco di Forlì, Giancarlo Biserna, torna sul tema della città metropolitana.

“In sostanza i problemi degli aeroporti di Forlì e Rimini devono essere fatti propri anche da Ravenna e da Cesena, così come i problemi di una scuola a Forlì devono appartenere anche agli altri e viceversa. Ora poi l'urgenza è totale. Con l'avvento per legge delle Città Metropolitane, a partire dal 2015, ci troveremo di fronte Bologna con la sua Città Metropolitana sino a Imola, con un  peso tale in Regione ed oltre, che ridimensionerà ancora di più le problematiche della nostra Romagna.  - sostiene Biserna - Occorre un patto tra  i Sindaci di Romagna, che sancisca che, pur non potendo avere la Città Metro di Romagna, ci si muova nella sostanza come se lo fossimo. Le Unioni tra i Comuni non ci devono accontentare, sono sicuramente i primi importanti passi, ma l' obiettivo deve essere più alto”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Diamo il via quindi ad un patto tra i sindaci ed a una conferenza di Romagna, che trasformi le diverse  aree vaste in un sistema di complesso con una cabina di regia che  gestisca questa fase, unica risposta positiva e propositiva a Bologna ed alla  Regione. E poi perchè non valutare una vera grande petizione  in tutti i Comuni romagnoli che raggiunga il milione di firme e che chieda quindi con una forza incontestabile di arrivare ad avere anche noi la Città Metropolitana di Romagna. Le leggi si possono, si devono, cambiare”, conclude il vicesindaco.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il telefono diventa muto e dal conto spariscono migliaia di euro: quarta truffa sui soldi in banca in un mese

  • Centauro esce di strada: la moto vola nella scarpata, interviene l'elicottero

  • Dal tampone pre-assunzione scopre di essere positivo al covid-19

  • "Voglio farla finita": poliziotti e operatori sanitari salvano la vita ad un 21enne

  • Il covid-19 non ferma il progetto di quattro giovani: "Apriamo una pizzeria e puntiamo sulla qualità"

  • Il bonus per le bici svuota i magazzini, finalmente un sorriso per una categoria: "Rientriamo delle perdite"

Torna su
ForlìToday è in caricamento