La maggioranza si divide sull'ultima variazione al bilancio di previsione 2018-2020

"Forli' SiCura" si smarca criticando la previsione di andare a finanziare la strada di collegamento, in zona Vecchiazzano, tra via Veclezio e via del Partigiano

La maggioranza in Comune a Forli' si divide sull'ultima variazione dell'anno al bilancio di previsione 2018-2020. "Forli' SiCura" si smarca criticando la previsione di andare a finanziare la strada di collegamento, in zona Vecchiazzano, tra via Veclezio e via del Partigiano. E non votando la delibera, cosi' come il Movimento 5 Stelle, che passa con 16 voti favorevoli e cinque contrari. Il progetto "non mi convince", attacca la consigliera Tatiana Gentilini: i proprietari della vicina cava ci mettono 516.000 euro, il Comune 2,3 milioni.

Mentre per Palazzo del Merenda, prosegue, i primi interventi sono previsti nel 2019 per 500.000 euro e altrettanti nel 2020. "I conti non tornano, non partecipo al voto". Bisticcia col collega del partito democratico Massimo Freschi, il capogruppo di Forlì SiCura, Mario Peruzzini: si va a finanziare la strada di Vecchiazzano dopo 10 anni "in toto con questa variazione. Puzza". Servirebbe, propone, "un referendum tra i 3.800 residenti". Non c'e' stato, replica al dem, "nessun cambio di vento e nessun patto precostituito. Centinaia di persone si sono opposte una decina di anni fa". Freschi non capisce: "L'intervento non mi sembra così scandaloso e il referendum non e' la strada, e' una proposta demagogica. Il quartiere attende da oltre 12 anni una strada che serve attivita' economiche".

Prova a fare da paciere, senza successo, l'assessore all'Urbanistica Francesca Gardini: si tratta di "una storia annosa, c'e' un contratto notarile del 2002 che ci vincola alla realizzazione di una strada". Sono stati fatti incontri con il comitato di quartiere che, sottolinea, "la vedono come un superamento del centro della localita' e dalle scuole da parte dei mezzi pesanti". La cava, aggiunge, e' prevista da molti anni negli strumenti di pianificazione. Cosi' come la strada. "Tornare indietro sarebbe un danno ingente per l'amministrazione". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Come sottolinea la dem Nada Zani, con la variazione di bilancio va giu' di due milioni di euro il debito. Si applicano quasi 5,7 milioni di euro di avanzo, di cui due per specifici interventi senza piu' ricorrere a mutui, mentre la parte restante riguarda nuovi interventi gia' cantierabili. Gli investimenti salgono a 28 milioni di euro per il 2018. Vanda Burnacci di Forza Italia punta l'attenzione sui trasferimenti statale aumentati da 4,9 a 5,5 milioni di euro, sulle minori entrate per investimenti per 1,36 milioni, sui minori incassi dalle alienazioni e dai permessi di costruzione. Infine Daniele Vergini del Movimento 5 Stelle rimarca che "qualcosa per l'abitato di Vecchiazzano si deve fare, ma serve una garanzia che non sara' l'occasione per l'ennesima espansione immobiliarista". (fonte Dire)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Viene da Malta, ufficializzata la prima compagnia aerea con un aereo con base al "Ridolfi"

  • Pauroso schianto all'incrocio sulla via Emilia, un'auto si ribalta: due feriti

  • Coronavirus, tre nuovi tamponi positivi. Un'infermiera colpita per la seconda volta dal virus

  • "Grotte urlanti", turisti allontanati dall'Arma: trovate anche corde per scalare le rocce

  • Apre un nuovo bar-ristorantino a due passi dal Duomo: "Scommetto sul centro, è l'ora del coraggio"

  • Covid-19, nuova ordinanza in Emilia Romagna: contagi tra familiari, si stringono le maglie

Torna su
ForlìToday è in caricamento