Legge sicurezza e immigrazione, Morrone critica Bonaccini: "Battaglia ideologica di retroguardia". La replica: "Non conosce la Costituzione"

Jacopo Morrone, segretario della Lega Romagna, boccia "senza appello l’atteggiamento pregiudiziale assunto da Bonaccini

"Il presidente della Regione, Stefano Bonaccini, crede di essere in un supermercato. Non vuole impugnare la legge sicurezza e immigrazione nella sua interezza, ma solo le parti che non gli aggradano ideologicamente. Un Bonaccini, dunque, che mette nel carrello quello che gli fa comodo e lascia negli scaffali il resto. Un modo davvero bizzarro di applicare una legge dello Stato da parte di un’Istituzione pubblica, come il presidente dell’Emilia-Romagna afferma di voler fare. E’ infatti paradossale che da un lato Bonaccini riconosca che la legge va applicata, ma che, nel contempo, persegua la strada avventurista dell’incostituzionalità". Jacopo Morrone, segretario della Lega Romagna, boccia "senza appello l’atteggiamento pregiudiziale assunto da Bonaccini, sulla scia di poche decine di primi cittadini del Pd o di area contigua, su circa ottomila sindaci italiani", che, "evidentemente, apprezzano le risorse e i nuovi poteri che la legge assegna loro".

"Se poi le parole hanno un significato, è davvero difficile districarsi nei contorsionismi verbali di Bonaccini - continua Morrone -. Egli afferma infatti che la ‘battaglia politica va fatta nelle sedi istituzionali preposte’. Ma quali sarebbero queste sedi? Non ci sembra che la sua personalissima battaglia politica avvenga in un ‘sede preposta’ e ‘appropriata’ e non possiamo dargli torto quando afferma che il suo compito sarebbe quello di governare al meglio l’Emilia-Romagna. Sarebbe, appunto, perché in tema di sicurezza e immigrazione, nell’ambito delle competenze regionali, ha davvero sbagliato tutto"-

"L’auspicio è che Bonaccini si assuma in pieno la responsabilità della sua velleitaria disubbidienza istituzionale nei confronti di una legge avversata solo per motivi pretestuosi e veda bene di rassegnare le dimissioni dalla carica di presidente della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome - aggiunge l'esponente del Carroccio -. Ci si aspetta, infatti, che chi ricopre quel ruolo super partes dia garanzie a tutti i componenti di una equilibrata autorevolezza istituzionale. Ci sembra, al contrario, che Bonaccini, in perenne campagna elettorale, stia facendo una battaglia di retroguardia antigovernativa, dove Le contrarietà sulla legge sono solo un pretesto".

La replica

Replica il governatore Bonaccini: "Vorrei informare Morrone che impugnare una legge in alcune parti anziché nella sua interezza non è un vezzo ideologico ma quanto prevede il nostro ordinamento, laddove riconosce alle Regioni la potestà di sollevare davanti alla Consulta un conflitto di competenze su provvedimenti dello Stato. Perché il ricorso sia pertinente e quindi ammissibile è infatti necessario che le Regioni si attivino per tutelare le proprie competenze costituzionali e non la più generale legittimità di un provvedimento. Quindi, quel che Morrone giudica bizzarro è quanto dispone la legge italiana e la giurisprudenza costituzionale”.

"Non pago - prosegue Bonaccini -, Morrone mi rimprovera poi di sostenere che una legge possa essere al tempo stesso rispettata (nel senso di applicata) e impugnata davanti alla Consulta. Eppure, queste sono le fondamenta del nostro ordinamento costituzionale, nonché principi base delle liberaldemocrazie. La legge si rispetta e, se la si ritiene illegittima, la si impugna dinanzi alla Corte costituzionale. A Morrone potrà apparire strano ma funziona così in tutti i Paesi democratici. In questa polemica stucchevole, a voler esser franchi, l’unica cosa davvero curiosa è che Jacopo Morrone sia (e per giunta contemporaneamente) avvocato, parlamentare e sottosegretario alla Giustizia: ciascuno di questi ruoli presupporrebbe di per sé, e tutti e tre insieme a maggior ragione, un minimo di confidenza col diritto”. Infine, “Morrone mi invita a dimettermi da presidente della Conferenza delle Regioni perché non sarei super partes. Si dà il caso, piaccia o meno a Morrone- chiude Bonaccini- che a stabilire chi debba rappresentare le Regioni siano le Regioni stesse e non il Governo. Curioso strafalcione, anche questo da parte di un esponente della Lega”. 

La controrisposta

Risponde Morrone: "Bonaccini è prevedibile in tutto. Anche nel suo reinterpretare a proprio uso e consumo le dichiarazioni altrui, condendole con la sua notoria tracotanza. E’ assolutamente evidente che la decisione di alcuni presidenti di Regione del Pd è strumentale e squisitamente politica. E soprattutto salta agli occhi che non c’entra nulla la tutela delle competenze regionali. Una legge nazionale o si applica o no. Legittimo non applicarla? Veda Bonaccini, ne trarremo le debite conseguenze. Quanto poi alle regole democratiche, Bonaccini non sa davvero di cosa parla. E’ noto il trattamento che ricevono le proposte delle opposizioni in Regione Emilia-Romagna, bocciate senza neppure essere esaminate, e soprattutto sono ormai famose le sparate contro i consiglieri di minoranza quando osano criticare gli errori dell’amministrazione regionale. A Bonaccini potrà apparire strano ma le sue dichiarazioni e il suo stile sono ormai notori e non in senso positivo. Ne tragga le conclusioni, oltre a riflettere sulla richiesta di dimettersi da presidente della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome, ormai obbligata".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Non rispondeva al telefono: trovato senza vita seduto sul divano davanti alla tv

  • Si apparta per un incontro sessuale, ma l'altro pretende del denaro: una denuncia per estorsione

  • Drammatico incidente sul lavoro: resta incastrato in un tornio e l'avambraccio resta amputato

  • "Il coraggio di dire sì al Signore": giovane architetto forlivese lascia la professione e diventa monaca di clausura

  • Un sushi in salsa romagnola: dopo le cene a domicilio la famiglia decide di aprire un ristorante

  • "Volevamo avere qualcosa di nostro": tutta la famiglia si rimbocca le maniche ed apre un bar

Torna su
ForlìToday è in caricamento