Ravenna piange il suo ex sindaco Fabrizio Matteucci: il cordoglio forlivese

Esponente del Pd, è stato primo cittadino della città dei mosaici dal 2006 al 2016, per due mandati

Da Forlì a Ravenna. Dalla città mercuriale arrivano messaggi di cordoglio per la morte dell'ex sindaco bizantino Fabrizio Matteucci, colpito da un malore. Esponente del Pd, è stato primo cittadino della città dei mosaici dal 2006 al 2016, per due mandati, e attualmente era direttore dell'Anci dell'Emilia-Romagna. Dal 2000 al 2005 era stato consigliere regionale. Avrebbe compiuto 63 anni il 21 febbraio. Divenne noto a livello nazionale e non solo per la sue battaglie contro la prostituzione in strada. Fu celebre un clamoroso annuncio (poi ritirato) su una possibile campagna fatta di scatti fotografici a trans e clienti a Lido di Classe, nel 2008. In un'altra occasione versò in un tombino alcolici appena acquistati, in un secchiello, facendosi fotografare dai giornalisti, l'estate successiva a Marina di Ravenna.

"È con profonda tristezza che ho appreso la notizia della scomparsa di Fabrizio Matteucci - sono le parole del sindaco Gian Luca Zattini -.  A lui mi legava un rapporto di stima e di grande cordialità che nei prossimi giorni avremmo rinnovato con un incontro che si sarebbe svolto in Municipio a Forlì. Con la scomparsa di Matteucci la Romagna e la nostra Regione perdono una figura di grande autorevolezza, dialogo e ascolto sempre orientato al bene della collettività".

"Un colpo al cuore - sono le parole del deputato romagnolo, Marco Di Maio -. Lo ricordo con affetto, come si ricorda un amico; un uomo vivace, di sconfinata umanità, col quale molto di noi hanno più volte collaborato nei suoi anni fa sindaco. Mancherà a tanti. Un abbraccio alla famiglia e a tutti gli amici". L'ex primo cittadino di Forlì, Davide Drei, lo ricorda come "un bravo sindaco e una persona buona. Ha fatto tanto per la sua città, Ravenna. Abbiamo lavorato insieme per la Romagna. Indimenticabili i confronti Ravenna-Forlì fatti insieme in estate alla festa dell’Unita’ di Borgo Sisa. Da Forlì, non ti dimentichiamo Fabrizio".

Così l'ex sindaco Roberto Balzani: "Sono un forlivese che ama smisuratamente Ravenna. Da sindaco mi sembrava il capoluogo naturale della provincia di Romagna, un'idea che non è mai piaciuta ai "comunisti" e perciò non si è mai realizzata. Con Fabrizio, sindaco di Ravenna, un uomo che ha amato moltissimo la sua città, abbiamo condiviso molte cose: il nevone del '12, la questione dell'Ausl unica e molto altro. Fabrizio aveva un contenuto umano vero, autentico, ragion per cui mi sembrava diverso dai molti sindaci di plastica che ero costretto a frequentare. Gli ho voluto bene davvero, per la sua spontanea empatia, per gli errori e per le cose giuste, per la sua ironia, perché era fatto così. Sapeva di vivere in un "sistema"; ma lo faceva con la leggerezza di chi guarda le cose da fuori. Per questo conserverò sempre dentro di me il suo sguardo e la sua voce e l'immagine di lui nel suo studio di Piazza del Popolo, mentre sorride".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Questo il ricordo di Elisa Massa, vicepresidente del Consiglio comunale: Non mi sembra ancora possibile che Fabrizio Matteucci non sia più con noi.  La città di Ravenna, l'Anci Emilia-Romagna, la politica e le istituzioni della nostra regione  perdono oggi una persona straordinaria. Fabrizio era garbato e gentile e il suo sorriso era disarmante. Il suo impegno, la disponibilità e la passione per il bene comune, che ha sempre infuso come Sindaco della sua amata Ravenna e ora come direttore dell'Anci erano indiscussi. Fabrizio Matteucci rimarrà un concreto e limpido esempio per chi rappresenta umilmente le istituzioni come la sottoscritta. Abbraccio infinitamente la mia cara Simona Pepoli, sua amatissima moglie e mia meravigliosa e insostituibile collega a Ravenna, presso il centro di Formazione Engim, che lunedì in segno di lutto sospende tutte le attività formative.  Un caro abbraccio anche a suo figlio Sayo. Venerdì prossimo, tra pochi giorni,  non potremo scambiarci, come sempre facevamo, gli auguri di compleanno essendo nati nello stesso giorno. Buon viaggio carissimo Fabrizio Matteucci e grazie per la splendida persona che sei stato".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Perde l'equilibrio e sbatte contro la roccia: la giornata al fiume finisce in tragedia, muore una ragazza

  • Il tuffo in mare si trasforma in tragedia: giovane muore sotto gli occhi degli amici

  • Auto si schianta contro un camion: due feriti gravi, 16enne in terapia intensiva

  • Covid-19, tornano ad aumentare i casi attivi: a Forlì due nelle ultime 24 ore

  • Scuole: ragioneria raddoppia le prime, lo Scientifico con una succursale. "Didattica a distanza a rotazione"

  • Doveva chiudere e invece rilancia: in via Balzella arriva una nuova catena non presente a Forlì

Torna su
ForlìToday è in caricamento