Morte di Franco Rusticali, il ricordo di Romano Baccarini (presidente dell'associazione ex consiglieri comune di Forlì)

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ForlìToday

"Con Sauro Sedioli e, poi, con Franco Rusticali è continuata, anzi si è rafforzata la collaborazione, già iniziata con Giorgio Zanniboni, non certo politica, ma amministrativa fra la Maggioranza e la nostra Opposizione. Una collaborazione che non era attraversata da interessi di gruppi e men che meno personali, bensì da una comune, forte e sempre, reciprocamente, rispettata, strategia di sviluppo economico e sociale della città, una strategia che, con la Cassa dei Risparmi e la Cassa Rurale, assecondò il processo di reindustrializzazione del nostro territorio dopo la debacle post-bellica delle più grandi imprese. Con un’espansione delle attività artigiane e delle piccole e medie aziende, che ancora caratterizzano e qualificano, a livello regionale, la nostra struttura produttiva ed occupazionale. Sono gli anni dell’insediamento universitario, del rilancio dell’aeroporto, con l’arrivo delle scuole degli assistenti di volo, della riclassificazione della SS67 quale strada d’interesse nazionale che ha, poi, consentito i più recenti investimenti nelle “circonvallazioni” cittadine. Sono gli anni anche del consolidamento di Ridracoli, della realizzazione del nuovo ospedale con le sue “eccellenze”, il grande sogno di Franco Rusticali, del salvataggio del San Domenico con l’avvio della radicale ristrutturazione degli ambiti museali e culturali della città e dell’avvio, infine, del Campus universitario. Una stagione di grande politica e di grandi realizzazioni. All’amico Franco Rusticali, che abbiamo avuto al nostro fianco come animatore delle iniziative dell’Associazione, va il merito, insieme al compianto Leonardo Melandri, di avere condiviso e guidato, con intelligenza e con energia, quelle scelte programmatiche che avevano il respiro alto della politica e del bene comune, al di là delle tensioni ideologiche, degli steccati di parte e delle convenienze particolari. Alla moglie, ai figli ed ai nipoti esprimiamo a nome dell’intera associazione la nostra più sentita partecipazione per la perdita di un Amico che, nella professione come nella tormentata vicenda politica, ha combattuto, con passione e dignità, la Sua Buona Battaglia".

Torna su
ForlìToday è in caricamento