L'addio di Forlì al gigante Giorgio Zanniboni

L'estremo saluto a Giorgio Zanniboni ha riunito attorno al suo feretro e alla sua famiglia, ai figli Iuri e Rossano, tutta Forlì. Nel Salone comunale gremito di amici, conoscenti e figure politiche e istituzionali

Forlì ha salutato sabato mattina, vigilia di Natale, il ‘gigante’ che l’ha governata da sindaco dal 1979 al 1990. L’estremo saluto a Giorgio Zanniboni ha riunito attorno al suo feretro e alla sua famiglia, ai figli Iuri e Rossano, tutta Forlì. Nel Salone comunale gremito di amici, conoscenti, persone che durante la sua avventura politica l’avevano anche contrastato duramente, è stato il sindaco di Forlì, Roberto Balzani, a pronunciare il discorso solenne (qui il testo integrale) di ricordo dell’ex primo cittadino.



Affiancato anche dai suoi predecessori Nadia Masini (sindaco dal 2004 al 2009) e Sauro Sedioli (dal 1990 al 1994), assente invece Franco Rusticali (dal 1994 al 2004), Balzani ha tracciato un profilo lucido e coraggioso del sindaco scomparso. Non c’era Angelo Satanassi, l’altro grande sindaco che se n’è andato nel corso del 2011, amico di Zanniboni e con il quale ne ha condiviso le sfide più importanti.

> LO SPECIALE SULLA MORTE DI ZANNIBONI

La famiglia ha voluto ringraziare pubblicamente tutta la città e tutti coloro i quali non hanno fatto venir meno il proprio affetto e la propria vicinanza nei confronti del grande padre della Diga di Ridracoli e dell’acquedotto di Romagna. A rendergli omaggio il segretario forlivese del Partito Democrato, Marco Di Maio, e gli ex parlamentari Roberto Pinza, Valter Bielli, Romano Baccarini e un commosso Stelio De Carolis. Presente anche quasi tutta la giunta comunale di Forlì e alcuni assessori provinciali (ma non il presidente della Provincia, Massimo Bulbi, sostituito dal vice Guglielmo Russo).

C'erano soprattutto tantissime persone comuni, tanti estimatori di Zanniboni, iscritti e non al Partito Democratico, per la cui nascita si era strenuamente battuto; c'erano molti giovani e c'erano tante donne e tanti uomini che hanno visto in Zanniboni un punto di riferimento, una figura forte e indipendente. Un uomo libero nel senso più pieno del termine.
 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il tuffo in mare si trasforma in tragedia: giovane muore sotto gli occhi degli amici

  • Viene da Malta, ufficializzata la prima compagnia aerea con un aereo con base al "Ridolfi"

  • Coronavirus, tre nuovi tamponi positivi. Un'infermiera colpita per la seconda volta dal virus

  • "Vuole ucciderla", i Carabinieri corrono subito. Picchiava la compagna davanti alla figlioletta, arrestato

  • "Picchiato con calci e pugni": paura sotto la torre dell'orologio, 23enne ferito

  • Il prof Carlo Flamigni se ne è andato via con una sua poesia sulla morte

Torna su
ForlìToday è in caricamento