Moschea, la Lega all'attacco: "Sporcizia, degrado e insicurezza a tutte le ore"

"Sporcizia, degrado e insicurezza: questo il prodotto della moschea a Forlì. Drei apra gli occhi e dia risposte concrete e risolutive ai nostri cittadini".

"Sporcizia, degrado e insicurezza: questo il prodotto della moschea a Forlì. Drei apra gli occhi e dia risposte concrete e risolutive ai nostri cittadini”. A parlare è Jacopo Morrone, segretario nazionale della Lega Nord Romagna, dopo la contestazione da parte dei residenti di Via Fabbretti sul degrado e il via vai di fedeli a tutte le ore del giorno.

"Sorprende davvero - dice Morrone - la mancanza di responsabilità degli amministratori del Pd che persistono a mantenere una posizione di conciliante buonismo anche di fronte ai ripetuti allarmi sulla presenza in Italia di un forte radicalismo islamico, operante soprattutto nella rete di moschee, luoghi di preghiera e centri islamici incontrollati o, addirittura, abusivi. Qui non si discute la libertà di religione che è tutelata dalla Costituzione. Qui è in ballo qualcosa di molto diverso, che è il richiamo al radicalismo islamico attraverso i sermoni pronunciati in arabo da Imam che agiscono impunemente, senza essere soggetti ad alcun controllo da parte delle istituzioni. E che la questione sicurezza sia delicatissima non lo afferma la Lega Nord, ma lo si riscontra sui giornali, attraverso i drammatici episodi di cronaca e le numerose operazioni investigative condotte anche in Emilia Romagna, come in altre regioni, che hanno dato esiti inquietanti”.

"Le nostre, quindi, sono legittime preoccupazioni per la sicurezza e per l’ordine pubblico in un'area cieca e residenziale di Forlì, che rischia di scivolare in un'irrecuperabile situazione di degrado. Ed è in quest’ottica che ribadiamo la necessità di monitorare e di controllare capillarmente le attività che sono svolte in questa struttura” conclude il segretario della Lega Nord.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      Manoni cambia sede dopo quasi due secoli: "Restiamo in centro, perché siamo parte del centro"

    • Cronaca

      E' morto l'imprenditore di Ceracarta Marino Bandini, il cordoglio di Rondoni

    • Cronaca

      "Banca di Forlì" si fonde con la "BCC ravennate e imolese": nasce una nuova banca

    • Cronaca

      Il Report della Caritas parla chiaro: "La crisi persiste e la povertà si normalizza"

    I più letti della settimana

    • Mongolfiere, la polemica dei Verdi: "Ancora una volta concesso un bene pubblico a privati"

    • Primarie Pd, i sostenitori di Orlando: "Con lui un segretario che unisce e a tempo pieno"

    • Tassinari (Noi Dovadolesi): "Zelli non ha i numeri". La replica: "Brinda agli insuccessi del paese"

    • Parte la “in house”, il Movimento 5 Stelle: “Rimangono ancora numerosi dubbi"

    • Primarie Pd, domenica seggi aperti dalle 8: tutte le informazioni sul voto

    • Virata verso il centro di Tosi, Petroni si dimette dal movimento "Fare!"

    Torna su
    ForlìToday è in caricamento