Alea, Contò risponde a Mezzacapo: "Basta attacchi personali. Il futuro è la differenziata 'spinta'"

Il direttore generale di Alea Ambiente, Paolo Contò risponde così al consigliere uscente della Lega e candidato alle prossime elezioni amministrative, secondo il quale "il sistema Alea va subito cambiato".

"Se 48mila tonnellate all'anno di indifferenziato in meno all’inceneritore non sono un risultato sufficiente a giustificare la strada intrapresa, allora Daniele Mezzacapo deve spiegare a me e alla comunità forlivese cosa auspica". Il direttore generale di Alea Ambiente, Paolo Contò risponde così al consigliere uscente della Lega e candidato alle prossime elezioni amministrative, secondo il quale "il sistema Alea va subito cambiato".

"Ricordo che il modello introdotto da Alea Ambiente è lo stesso indicato nel contratto dell’attuale Governo formato anche dal suo partito - afferma Mezzacapo -. E sempre il suo partito a Modena guarda al modello Treviso e, quindi al forlivese, come a una strada da seguire per separare la gestione della raccolta dal business dello smaltimento".

Contò, commentando ulteriormente i dati, sottolinea una grande differenza rispetto al passato: "A un anno dall'arrivo di Alea il Pef (Piano Finanziario Economico) 2019 è già calato di 3milioni di euro rispetto al 2018 che già era sceso dello -0,29% rispetto al 2017, grazie anche a una riorganizzazione, riprogettazione e gestione dei servizi svolti sul territorio. Inoltre, la grande rivoluzione di Alea non è ravvisabile solo nell'introduzione del servizio di differenziata porta a porta, ma anche nell'istituzione della Tariffa Puntuale che è maggiormente equa nella ridistribuzione dei costi".

Il direttore generale di Alea Ambiente fa riferimento all'Occasional Papers, "Il prelievo locale sui rifiuti in Italia: benefit tax o imposta patrimoniale (occulta)?", realizzato dalla Banca d'Italia nel 2018, nel quale si evince che la Ta.Ri. agisca come un’imposta patrimoniale e, di conseguenza, tenda a gravare maggiormente sulle utenze domestiche con redditi più bassi. "On questi mesi Mezzacapo invece di governare istituzionalmente quello che era un cambiamento inevitabile come dimostra la cronaca nazionale, ha preferito scegliere la facile strada dell'attacco alla mia persona e alla società, fatta di lavoratori che si alzano alle 4 del mattino per fare al meglio il loro servizio - conclude Contò -. Sarebbe bastato che voltasse lo sguardo al di fuori di Forlì per vedere quali strade sta percorrendo il suo partito. Sembra che Mezzacapo abbia altre politiche personalizzate".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Terrona", il caso della lite condominiale finisce in tv: "Non sono razzista, insulti sotto l'effetto dell'ira"

  • Il maggiordomo vince in tribunale ed eredita 4 milioni di euro

  • Escort e over 45, la trasgressione non ha età: il lato piccante e proibito di Forlì

  • Dopo la collisione cade sull'asfalto, le auto lo schivano: paura in A14 per un centauro

  • Oltre un milione di spettatori per il servizio sull'ospedale di Forlì in onda su Rai Tre

  • La "Panda" diventa un'auto stupefacente: la droga era nascosta nel pianale, tre arresti

Torna su
ForlìToday è in caricamento