Predappio, caso commissioni. Biguzzi (Italia Viva): "Un attentato alla democrazia"

"Appoggio e condivido la scelta presa della lista Civica Generazioni in Comune che ha sottoposto quest’ultima all’esame di Prefettura e Ministero degli Interni", afferma Biguzzi

"Nel Comune di Predappio si è verificato un attentato alla democrazia". Così l'esponente di Italia Viva Sara Biguzzi, che chiosa: "A causarlo è la decisione presa dalla maggioranza di centro-destra del Comune, a guida del sindaco Roberto Canali, di abolire il carattere permanente delle Commissioni consiliari dal Regolamento comunale. Facendo parte, io stessa, di tutte le commissioni consiliari del mio comune, Forlì, mi rendo conto quanto siano efficaci per esaminare ed approfondire gli atti con i tecnici".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Le commissioni sono uno strumento molto utile nell’interesse di tutti i cittadini -. prosegue Biguzzi -. Appoggio e condivido la scelta presa della lista Civica Generazioni in Comune che ha sottoposto quest’ultima all’esame di Prefettura e Ministero degli Interni". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un improvviso arresto cardiaco spezza la vita ad un giovane di 26 anni

  • "Sarà un maxi-supermercato, secondo solo all'iper": i commercianti chiedono di bocciare il progetto

  • Meldola, si lancia nel vuoto e perde la vita: nuova tragedia al ponte dei Veneziani

  • Mentre lavora il giardino di casa la terra restituisce bombe a mano e proiettili: strada chiusa a pochi passi dal centro

  • Centauro esce di strada: la moto vola nella scarpata, interviene l'elicottero

  • Il primo giorno dei bar: "Poca gente e chiedono il permesso per entrare. Ma chi entra consuma dentro"

Torna su
ForlìToday è in caricamento