Regione, Balzani e Bellini disponibili a fare gli assessori: "Serve un cambio di passo"

Lo conferma a ForliToday l'ex sindaco di Forlì, Roberto Balzani, che rivela anche di avere proposto il nome di Alberto Bellini per l'assessorato all'Ambiente, insieme ad altri, tra i quali quello del parmense Nicola Dall'Olio

C'è stato l'incontro con Stefano Bonaccini martedì, per entrare nel merito delle scelte che il neoeletto presidente della Regione dovrà fare, relativamente in fretta, per mettere a punto la nuova giunta regionale. Lo conferma a ForliToday l'ex sindaco di Forlì, Roberto Balzani, che rivela anche di avere proposto il nome di Alberto Bellini per l'assessorato all'Ambiente, insieme ad altri, tra i quali quello del parmense Nicola Dall'Olio. “Ho chiesto di essere coinvolto in queste scelte, che devono essere di rinnovamento profondo”.

Balzani spiega di avere avuto un atteggiamento molto collaborativo: “La scelta spetta a Bonaccini, sto a vedere quello che decide, e ovviamente se non sarò d'accordo mi sentirò liberissimo di dirlo. Le mie indicazioni non sono state strettamente territoriali, anche se credo che serva comunque un equilibrio di tipo geografico”. Bonaccini ha però ribadito che non dovrà mettere delle bandierine e che gli assessori saranno scelti in base alle deleghe e che rappresenteranno tutta la Regione, perchè i territori sono già ben presenti in Asseblea legislativa, avendo eletto almeno due consiglieri per provincia.

Per quanto riguarda  la possibilità di essere in giunta, Balzani è chiaro: “Io come è noto ho dato la mia disponibilità, ma mi interessa l'ambito sanitario, anche se ritengo altamente improbabile che mi venga fatta una proposta in questo senso”. Patrizio Bianchi intanto dovrebbe essere riconfermato come assessore alla Scuola. “Era un accordo fatto sin dall'inizio – commenta Balzani – ci sta”. Il professore forlivese si rincontrerà con Bonaccini probabilmente già la prossima settimana.

Intanto Alberto Bellini, chiamato in causa, spiega a ForliToday: “E' una cosa su cui abbiamo già ragionato con Roberto e a livello territoriale. Io sono un tecnico e mi metto a disposizione, l'ho detto anche a Bonaccini , sempre con spirito di servizio. Ovviamente non mi aspetto nulla, ma sono molto onorato che sia stato fatto il mio nome”. Anche Bellini rappresenta una certa discontinuità  con la giunta Errani, ma lui non lo interpreta come un fatto negativo: “Sono stato referente di molte azioni condivise da tanti amministratori della Regione, ultima in ordine di tempo la petizione lanciata martedì”.

Bellini non è drasticamente critico: “Non do comunque un giudizio completamente negativo al lavoro della giunta Errani, anche se certamente l'errore più grande è stato quello di non ammettere gli errori. C'è inoltre da dire che la partita dell'economia circolare e del modello alternativo della gestione dei rifiuti è stata completamente ignorata. Su questo è necessario che Bonaccini faccia il cambio di passo”.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Terrona", il caso della lite condominiale finisce in tv: "Non sono razzista, insulti sotto l'effetto dell'ira"

  • Il maggiordomo vince in tribunale ed eredita 4 milioni di euro

  • Escort e over 45, la trasgressione non ha età: il lato piccante e proibito di Forlì

  • Dopo la collisione cade sull'asfalto, le auto lo schivano: paura in A14 per un centauro

  • Oltre un milione di spettatori per il servizio sull'ospedale di Forlì in onda su Rai Tre

  • La "Panda" diventa un'auto stupefacente: la droga era nascosta nel pianale, tre arresti

Torna su
ForlìToday è in caricamento