Rifiuti accumulati in bar e pasticcerie, "Urgenze risolte da una squadra specifica"

Ragni s’è detto insoddisfatto: "I disservizi sono sotto gli occhi di tutti. Ci sono esercenti e utenti che chiedono da mesi di cambiare i contenitori ma non ottengono alcuna risposta da Alea"

Problema rifiuti per gli esercizi pubblici. A portare il caso in Consiglio comunale è stato il capogruppo in Consiglio comunale di Forza Italia, Fabrizio Ragni. "Ho raccolto personalmente segnalazioni di mancata raccolta di rifiuti da parte di Alea in bar, ristoranti, gelaterie, pasticcerie e mini-market o supermarket cittadini - ha esordito l'esponente azzuro -. Decine di casi di rifiuti che non sono stati ritirati dagli operatori Alea che non hanno accettato di prelevare sacchi fuori dai contenitori pur in assenza di numero sufficiente di bidoncini, o di rifiuti che non vengono raccolti a causa dell’accumulo dei rifiuti che si crea per l’insufficiente frequenza dei passaggi per il ritiro. Considerato che i rifiuti non raccolti, soprattutto di natura organica, andando verso la stagione calda, creeranno, oltre al degrado, seri problemi legati al maleodore causato dalla macerazione dei prodotti e degli scarti commestibili, ravviso che l’annunciato operato della apposite squadre antidegrado non funziona. E si rende necessario avviare un confronto con Alea per migliorare il servizio di raccolta rifiuti destinato ai pubblici esercizi”

"Le utenze non domestiche hanno scelto i contenitori adeguati alle proprie esigenze al momento della prima consegna - ha replicato l'assessore all'Ambiente, William Sanzani -. Alcune di esse hanno successivamente richiesto altri contenitori a fronte della constatazione da parte degli stessi della quantità di rifiuti da esse stesse prodotte. Altri invece hanno rifiutato per diversi motivi di ritirare i contenitori. Non ci risultano ritardi di consegna in quanto gli ordini vengono esauriti in pochissimi giorni. Le urgenze sono risolte anche con una squadra specifica". Ma Ragni s’è detto insoddisfatto: "I disservizi sono sotto gli occhi di tutti. Ci sono esercenti e utenti che chiedono da mesi di cambiare i contenitori ma non ottengono alcuna risposta da Alea. La tempistica degli svuotamenti, con relativi accumuli dei rifiuti, è troppo diradata. Sono insufficienti le campane per la raccolta del vetro e le squadre antidegrado non riescono a liberare le aree che , in periferia, come in altre zone  della città, sono sommerse da rifiuti. Inoltre non è accettabile che Alea e l’amministrazione anziché  farsi parte diligente per migliorare il servizio e venire incontro agli utenti chiedano al privato ed ai titolari dei locali pubblici di  mettersi a posto da soli, senza troppe lamentele"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • SuperEnalotto, sfiorato il colpaccio da oltre 67 milioni: si consola con una bella vincita

  • Elezioni regionali, l'Emilia Romagna elegge il nuovo presidente: la diretta dello spoglio, tutti i dati

  • Rapina con la pistola e strattona la farmacista terrorizzata, arrestato nel giro di due giorni

  • L'auto sfreccia ad alta velocità, scatta l'inseguimento sulla via Emilia: alla guida c'era uno spacciatore

  • Travolge una passante nei pressi del centro commerciale e non si ferma. Trovata grazie alle telecamere di ultima generazione

  • Elezioni, i programmi a confronto in 7 domande uguali per 7 candidati: queste le loro priorità e proposte

Torna su
ForlìToday è in caricamento